Skip to Content

Blog Archives

Napoli – 11 settembre 2018 – Seminario “Concessione di incentivi per il Sistema della Cultura e per l’attuazione di Processi di Innovazione per Imprese e Reti d’Imprese”

TÜV InterCert – Group of TÜV Saarland, MTIC InterCert S.r.l. partecipano con ASSINRETE in collaborazione con la Regione Campania, Camera di Commercio di Napoli, Osservatorio Nazionale Impresa e Professioni 4.0 di CONFASSOCIAZIONI, AICTT e Sviluppo Campania Spa all’organizzazione del seminario di presentazione dei bandi “Avviso per la concessione di incentivi finalizzati a sostenere le imprese operanti nel sistema produttivo della cultura e nuovi prodotti e servizi per il turismo culturale” e “Avviso per la concessione di contributi a favore delle Micro, Piccole e Medie Imprese per l’attuazione di processi di innovazione” per la concessione di incentivi rivolte alle Micro, Piccole o Medie Imprese (MPMI) e delle Reti d’Imprese.

In particolare i bandi “POR FESR 2014-2020, Asse 3, azione 3.3.2 – Avviso per la concessione di incentivi finalizzati a sostenere le imprese operanti nel sistema produttivo della cultura e nuovi prodotti e servizi per il turismo culturale”, che ha lo scopo di rafforzare e favorire lo sviluppo tecnologico di Micro, Piccole o Medie Imprese (MPMI) e delle Reti d’Imprese, che operano nella sfera del patrimonio culturale storico e artistico, delle produzioni dei contenuti culturali, della cultura materiale e delle attività correlate e “POR FESR 2014-2020, Asse 3, azione 3.5.2 – Avviso per la concessione di contributi a favore delle Micro, Piccole e Medie Imprese per l’attuazione di processi di innovazione”, per sostenere le MPMI e le Reti d’Imprese nell’implementazione e nell’adozione di soluzioni tecnologiche innovative per il miglioramento dei processi produttivi.
I bandi mettono a disposizione ciascuno 10 milioni di euro di fondi europei del POR FESR 2014-2020 per l’attuazione degli obiettivi sopra menzionati.

Il seminario sarà anche l’occasione per discutere, in una tavola rotonda alla quale prenderanno parte rappresentanti del mondo delle associazioni professionali, manager di imprese e manager di rete, dell’importanza del ruolo svolto dal Manager di Rete in una gestione efficace e di qualità delle Reti d’Imprese.

All’organizzazione dell’evento collaborano anche Sviluppo Campania, TÜV InterCert SAAR Italia, MTIC InterCert, AICTT – Associazione Italiana per la Cultura del Trasferimento Tecnologico, e l’Osservatorio Nazionale Impresa e Professioni 4.0 di CONFASSOCIAZIONI

Programma del seminario.

15.00 Registrazione dei partecipanti

15.30 Saluti di Benvenuto
Girolamo PETTRONE, Commissario Straordinario Camera di Commercio di Napoli
Maria Grazia FALCIATORE, ViceCapo di Gabinetto e Responsabile Programmazione Unitaria Regione Campania
Mario MUSTILLI, Presidente Sviluppo Campania

16.00 Presentazione bando: “SISTEMA PRODUTTIVO DELLA CULTURA E NUOVI PRODOTTI E SERVIZI PER IL TURISMO CULTURALE”
Rosanna ROMANO, Direttore Generale Politiche Culturali e Turismo Regione Campania

16.20 Presentazione bando: “ATTUAZIONE DEI PROCESSI DI INNOVAZIONE”
Roberta ESPOSITO, Direttore Generale Sviluppo Economico ed Attività Produttive Regione Campania (in attesa di conferma)

16.40 Tavola rotonda: “IL RUOLO DEL MANAGER DI RETE NELLA GESTIONE DELLE RETI D’IMPRESE”
Paolo FIORENTINO, Presidente ASSINRETE – Associazione Nazionale Professionisti Reti d’Imprese
Oliviero CASALE, Marketing Manager TUV InterCert Italia – Segretario Nazionale Osservatorio Impresa e Professioni 4.0 di Confassociazioni.
Aldo PETRUCCIANI, Dottore Commercialista – Socio Fondatore ASSINRETE
Stefano DE FALCO, Direttore IRGIT e CeRITT Università Federico II – Coordinatore GdL CTS ASSINRETE
Eugenio GERVASIO, Co-Founder e CEO MAVV srl
Maria Paola SORRENTINO, Imprenditrice – Presidente MTV Campania
Luana ANNESE, Co-Founder Generalavia Aerospace Technology Company
Umberto DANIELE, Imprenditore – Amministratore Enginfo Consulting

Introduce e modera:
Francesco BELLOFATTO, Direttore Responsabile DODICI

17.30 Domande e risposte

Scarica i Bandi:

 

Per tutte le informazioni sulla modulistica dei bandi fare riferimento al sito della Regione Campania : Por Fesr 2014-2020 Regione Campania

La partecipazione all’evento è gratuita, previa iscrizione qui.

Per informazioni: info@assinrete.net

by Oliviero Casale – Marketing and Training Manager MTIC IntercertTÜV Intercert

 

0 Continue Reading →

Auguri di buone vacanze 2018

 

Lo STAFF MTIC InterCertTüV InterCert SAAR
Augura Buone Vacanze
e a chi invece resta in Azienda
Buon Lavoro!

 

MTIC InterCert and TüV InterCert SAAR STAFF
Wishes Happy Holidays
and if you don’t go on holidays
Good Work!

 

MTIC InterCert und TüV InterCert SAAR personal
Wünscht schöne Ferien
und für diejenigen die in der Firma bleiben
Gute Arbeit!

 

Gli uffici riapriranno il giorno 20/08/2018

Offices will be open on the 20/08/2018

Die Büros werden am 20/08/2018 wiedereröffnet

Il Gruppo MTIC può essere considerato uno dei pochi Global Player in “Management, Testing, Inspection and Certification”. Grazie alla collaborazione tra MTIC InterCert (ex Istituto Masini) e TÜV InterCert Saar, da tempo note sul territorio nazionale ed internazionale, ed a tutti i loro rispettivi accreditamenti e notifiche, può offrire assistenza ai propri clienti, nonché garanzia, qualità e sicurezza nel vasto mondo della certificazione e della formazione a livello internazionale.

Il Gruppo MTIC garantisce la possibilità di usufruire di un’ampia gamma di servizi e, unendo la pluriennale esperienza in ambito di certificazione di Prodotto al know-how in ambito di certificazione di Sistema, riesce a soddisfare qualsiasi richiesta, con un servizio professionale diversificato e ad hoc per ogni cliente e in funzione delle singole esigenze.

 

 

  • Dispositivi medici – Sistemi di gestione per la qualità – EN ISO 13485 Macchine (2006/42/CE)
  • Dispositivi individuali di protezione (89/686/CE) Reg. 2016/425
  • Giocattoli (2009/48/CE)
  • Regolamento GAR (2016/426/UE)
  • Dispositivi medici (93/42/CE)
  • Prodotti da costruzione (CPR Reg. 305/2011/UE)
  • Direttiva sull’Equipaggiamento marittimo (2014/90/UE)
  • Prodotti a marchio Ecolabel (Reg. 1980/2000/CE)
  • Ascensori e dispositivi di sicurezza per ascensori (2014/33/UE)
  • Prove di reazione al fuoco per omologazione 26/06/84 e 03/09/2001
  • Prove su estintori portatili e carrellati d’incendio 07/01/05 e 06/03/92
  • Prove su materiali da costruzione Legge 1086/71 e Circolare 7617/STC
  • Prove su terreni e prove in sito Circolare 7618/STC
  • Verifiche periodiche e straordinarie su impianti di ascensori DPR 162/99

 

  • Sistema di Gestione Qualità – ISO 9001
  • Sistema di Gestione Ambientale – ISO 14001
  • Sistema di Gestione Salute e Sicurezza occupazionale – BS OHSAS 18001
  • Sistema di Gestione dell’Energia – ISO 50001
  • Sistema di Gestione Sicurezza informatica – ISO/IEC 27001
  • Sistema di Gestione Sicurezza Alimentare – ISO 22000
  • Prodotti da costruzione – EN 1090 – Reg. (EU) 305/2011
  • Pannelli Fotovoltaici
  • Saldature – ISO 3834
  • Direttiva 2014/68/EU – Pressure Equipment (PED)
  • Direttiva 2006/42/EC – Macchine
  • Direttiva 2014/34/EU – ATEX

 




I nuovi corsi di formazione in programma da ottobre:

 

by Oliviero Casale Marketing and Training Manager MTIC Intercert / TÜV InterCert Saar – Italia

 

 

 

 

 

0 Continue Reading →

FIGURA PROFESSIONALE HSE MANAGER – News N° 2 MTIC Academy

MTIC Academy – News N°2 : HSE Manager.

TÜV InterCert e MTIC Intercert ritengono importanti i temi che riguardano la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e l’ambiente, poiché fondamentali per i lavoratori, le organizzazioni e per la società.

In questi ambiti, figure professionali come l’HSE Manager potranno avere un ruolo importante. In virtù delle competenze di alto livello necessarie a svolgere attività nell’ambito della sicurezza occupazionale e dell’ambiente, queste figure professionali dovranno seguire percorsi formativi di qualità.

L’UNI, con la pubblicazione della norma UNI 11720:2018, ha voluto definire un quadro di riferimento certo e univoco per l’individuazione dell’attività professionale del Manager HSE, “Health, Safety & Environment”: una figura professionale in grado di intercettare la domanda di quelle organizzazioni che vedono sempre più l’integrazione tra i temi della sicurezza, della salute e dell’ambiente come la modalità più efficiente ed efficace per perseguire la conformità legislativa e le strategie aziendali, in una prospettiva di miglioramento continuo.

Il Manager HSE rappresenta la figura di riferimento per:

  • il coordinamento
  • la consulenza
  • il supporto gestionale

per l’implementazione e l’integrazione dei processi legati alla salute, alla sicurezza ed all’ambiente, con l’obiettivo di concorrere all’efficienza complessiva dell’organizzazione.

Il Manager HSE, in funzione dei propri compiti ed attività prevalenti, supporta l’organizzazione nelle seguenti fasi:

  • definizione della strategia aziendale/imprenditoriale (funzionalità ex ante), anticipando i rischi delle diverse alternative decisionali
  • gestione operativa e nell’attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi per i lavoratori, per l’ambiente e per il patrimonio aziendale (funzionalità ex post), coerentemente con le normative vigenti.

 

Il Manager HSE promuove e sostiene le strategie in ambito HSE in linea con le politiche stabilite dall’organizzazione e ne coordina l’implementazione, contribuendo allo sviluppo, all’attuazione ed all’integrazione delle modalità adottate per la gestione dei processi HSE.

ln particolare la norma delinea i seguenti due profili professionali del Manager HSE:

  • Manager HSE Operativo
  • Manager HSE Strategico

 

Il Manager HSE Operativo, svolge la propria attività in una posizione organizzativa dotata di una piena autonomia decisionale relativamente alla gestione di aspetti operativi ma limitata con riferimento agli aspetti strategici che sono definiti e decisi ad un livello più elevato dell’organizzazione.

Il Manager HSE Strategico, opera invece in una posizione organizzativa dotata di piena autonomia decisionale con riferimento alle scelte strategiche dell’organizzazione in ambito HSE. Il suo ruolo è individuato dal vertice dell’organizzazione (l’alta direzione aziendale) allo scopo di disporre di una figura professionale che possa supportarla nella definizione delle scelte strategiche e dei relativi obiettivi in ambito HSE.

L’UNI ha stilato, inoltre, un elenco dei contenuti formativi indispensabili per poter svolgere la professione del Manager HSE.

Coloro che nel corso della loro vita professionale hanno già sviluppato un proprio bagaglio di conoscenze negli ambiti previsti per il profilo di Manager HSE, possono costruire un proprio percorso per completare eventuali scostamenti di conoscenza rispetto ai requisiti minimi.

I cinque moduli formativi riguardano le seguenti aree

  1. organizzativa gestionale
  2. giuridico-amministrativa
  3. tecnica in materia di sicurezza sul lavoro
  4. tecnica in materia di salute occupazionale
  5. Tecnica in materia ambientale

 

TÜV InterCert e MTIC Intercert ritengono fondamentale avere le giuste conoscenze e competenze per poter affrontare i nuovi paradigmi organizzativi e produttivi che le nuove tecnologie abilitanti la quarta rivoluzione industriale presentano.

I nuovi corsi di formazione in programma da ottobre:

RSPP Machinery Expert – Reggio Emilia (RE), 17-18-19 ottobre 2018

SME – Safety Machinery Expert – Rho (Milano)

FSE – Functional Machinery Engineer – Rho (Milano), 9-10-11-12 Ottobre 2018

by Oliviero Casale – Marketing and Training Manager TÜV InterCert and MTIC Intercert

0 Continue Reading →

MTIC Academy segnala la Brochure dell’UNI sulla UNI ISO 45001:2018

Lunedì 2 luglio 2018.

MTIC Academy segnala la brochure dell’UNI sulla ISO 45001:2018.

Sul sito dell’UNI è disponibile la brochure informativa sulla nuova norma UNI ISO 45001:2018 che vuole dare indicazioni sull’importanza per le organizzazioni di implementare dei Sistemi di Gestione della Salute e Sicurezza sul lavoro per gestire al meglio i rischi e a migliorare le loro prestazioni in materia attraverso la creazione e l’attuazione di politiche e di obiettivi efficaci.

Per comprendere meglio l’importanza della UNI ISO 45001 vengono riportati di seguito alcuni punti della Brochure UNI.

La UNI ISO 45001 è la prima norma internazionale per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Stabilisce un quadro per migliorare la sicurezza, ridurre i rischi in ambito lavorativo e migliorare la salute ed il benessere dei lavoratori, permettendo così alle organizzazioni di aumentare in modo proattivo le performance in materia di salute e sicurezza.

 

 

 

 

 

 

Per chi è la UNI ISO 45001?

La norma si applica a qualsiasi organizzazione, indipendentemente dalle dimensioni, dal settore di appartenenza e dalla natura delle sue attività ed è progettata per essere integrata nei processi di gestione già esistenti: adotta infatti la stessa “struttura di alto livello” (High Level Structure – HLS) delle altre norme ISO sui sistemi di gestione come la UNI EN ISO 9001 (gestione per la qualità) e la UNI EN ISO 14001 (gestione ambientale).

 

 

 

Quali sono i vantaggi?

I potenziali benefici derivanti dall’applicazione della norma includono:

 

  • la riduzione degli incidenti sul lavoro,
  • la diminuzione dell’assenteismo e del turnover e quindi una più alta produttività,
  • la riduzione dei costi dei premi assicurativi,
  • la creazione di una cultura della prevenzione, della salute e della sicurezza che incoraggi i lavoratori a svolgere un ruolo attivo,
  • un miglioramento del morale dei lavoratori,
  • il maggiore impegno dei vertici aziendali a migliorare le performance di salute e sicurezza sul lavoro,
  • la capacità di soddisfare gli obblighi legali e normativi dell’organizzazione,
  • un miglioramento dell’immagine e dell
    a reputazione.

 

 

E’ differente dagli altri documenti sulla salute e sicurezza sul lavoro?

La UNI ISO 45001 è stata elaborata tenendo in considerazione altri documenti sul tema, come le linee guida ILO-OSH 2001 dell’International Labour Organization, la OHSAS 18001 e diverse norme nazionali.

Inoltre è anche conforme ai documenti internazionali ILO di taglio più generale sul lavoro. Sviluppata all’interno del sistema di normazione ISO con il contributo di esperti provenienti da più di 70 Paesi nel mondo, la norma fornisce un quadro internazionale che tiene conto dell’interazione tra un’organizzazione e il suo ambiente di business.

La UNI ISO 45001 adotta un approccio basato sul rischio che garantisce l’efficienza e il miglioramento continuo del sistema di gestione, per rispondere alla continua evoluzione del contesto in cui opera un’organizzazione.

 

 

La posso integrare nel mio sistema di gestione?

La norma condivide la cosiddetta “struttura di alto livello” (HLS), i testi “di base” nonché gli stessi termini e definizioni con le norme ISO sui sistemi di gestione aggiornate più di recente (ad esempio UNI EN ISO 9001 e UNI EN ISO 14001 del 2015). Questa struttura è progettata per facilitare l’integrazione di nuove aree tematiche e nuovi ambiti nei sistemi di gestione già consolidati. Inoltre, la UNI ISO 45001 è stata progettata per allinearsi il più possibile alla UNI EN ISO 14001 in quanto è riconosciuto che molte organizzazioni tendono ad accorpare le due funzioni di gestione ambientale e di sicurezza e salute sul lavoro. Questo semplificherà l’adozione della UNI ISO 45001, in particolare da parte delle 22.000 organizzazioni italiane che hanno certificato la conformità del proprio sistema di gestione ambientale alla UNI EN ISO 14001 e delle altre decine di migliaia di organizzazioni che comunque hanno familiarità con la norma.

Dove iniziare?

Se si intende applicare la UNI ISO 45001, ecco alcuni suggerimenti per iniziare:

1. eseguire un’analisi del contesto dell’organizzazione riguardante la salute e sicurezza sul lavoro (per esempio, le parti interessate)

così come dei fattori interni ed esterni che possono avere un impatto sulle attività;

2. stabilire il perimetro di applicazione del sistema di gestione, tenendo ben presenti gli obiettivi che si vorrebbero raggiungere;

3. definire la politica e gli obiettivi di salute e sicurezza;

4. definire i tempi di attuazione del sistema di gestione e pianificare come raggiungere l’obiettivo;

5. definire le carenze in termini di competenze e/o risorse che è necessario colmare prima dell’applicazione della norma.

Nella Brochure UNI vengono riportati alcuni stralci dell’Appendice A (informativa) della norma UNI ISO 45001, che è una guida al suo utilizzo.

A.4.3 Determinare il campo di applicazione del sistema di gestione per la SSL

Un’organizzazione ha la libertà e la flessibilità di definire i limiti e l’applicabilità del sistema di gestione per la SSL. I limiti e l’applicabilità possono includere l’intera organizzazione, oppure una o più parti specifiche dell’organizzazione, purché l’alta direzione di quella parte dell’organizzazione abbia le proprie funzioni, responsabilità e autorità per stabilire un sistema di gestione per la SSL. La credibilità del sistema di gestione per la SSL dell’organizzazione dipenderà dalla scelta dei confini. Il campo di applicazione non è da usare per escludere attività, prodotti e servizi che hanno o possono avere un impatto sulle prestazioni in termini di SSL dell’organizzazione, o per eludere i suoi requisiti legali e altri requisiti. Il campo di applicazione è una definizione effettiva e rappresentativa delle attività operative dell’organizzazione comprese entro i confini del proprio sistema di gestione per la SSL che non sia fuorviante per le parti interessate.

A.5.4 Consultazione e partecipazione dei lavoratori La consultazione e la partecipazione dei lavoratori, e, ove istituiti, dei rappresentanti dei lavoratori, possono essere fattori chiave per il successo di un sistema di gestione per la SSL e sono incoraggiati nell’ambito dei processi istituiti dall’organizzazione. La consultazione implica una comunicazione a due direzioni che coinvolga il dialogo e gli scambi. La consultazione comporta il mettere a disposizione dei lavoratori e, ove istituiti, dei rappresentanti dei lavoratori in maniera tempestiva le informazioni necessarie, per fornire un feedback informato che deve essere considerato dall’organizzazione prima di prendere una decisione. La partecipazione consente ai lavoratori di contribuire ai processi decisionali relativi alle misure delle prestazioni in termini di SSL e ai cambiamenti proposti. Il feedback sul sistema di gestione per la SSL dipende dalla partecipazione dei lavoratori. L’organizzazione assicura che i lavoratori a tutti i livelli siano incoraggiati a segnalare situazioni pericolose, in modo da poter adottare misure preventive e intraprendere azioni correttive. La ricezione di suggerimenti è più efficace se, nel fare le segnalazioni, i lavoratori non temono minacce di licenziamento, azioni disciplinari o altre ritorsioni.

 

 

E la certificazione?

Come per tutte le norme sui sistemi di gestione, la certificazione può risultare utile per dimostrare la conformità ai requisiti. Chi è già certificato OHSAS 18001 dispone di una parte degli strumenti e dei sistemi necessari per l’attuazione della UNI ISO 45001 (anche se i due documenti sono molto diversi). La UNI ISO 45001 è destinata a sostituire la OHSAS 18001 a conclusione di un periodo transitorio di 3 anni, come confermato dal regolamento internazionale IAF MD 21:2018, che definisce in maniera uniforme il processo di migrazione alla nuova norma delle certificazioni di sistema di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro rilasciate, in tutto il mondo, dagli organismi accreditati.

Riferimenti legislativi nazionali

Nella Brochure UNI vengono riportati integralmente le note nazionali dell’Appendice NA (informativa) che ricordano alcuni obblighi derivanti dalla legislazione nazionale e le chiavi di lettura dei requisiti della norma.

5.4 Consultazione e partecipazione dei lavoratori …L’organizzazione deve stabilire, attuare e mantenere uno o più processi per la consultazione e la partecipazione dei lavoratori a tutti i livelli e funzioni applicabili e, ove istituiti*, dei rappresentanti dei lavoratori, nello sviluppo, pianificazione, attuazione, valutazione delle prestazioni e delle azioni per il miglioramento del sistema di gestione per la SSL… * Nota nazionale – Alla data di pubblicazione della norma, si rimanda agli art. da 47 a 49 del Decreto Legislativo 81 del 9 aprile 2008 “Attuazione dell’articolo 1 della Legge 123 del 3 agosto 2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” e s.m.i.

5.4 Consultazione e partecipazione dei lavoratori …Nota 4. Si riconosce che la formazione gratuita per i lavoratori e la formazione durante l’orario di lavoro, ove possibile, possono rimuovere ostacoli significativi alla partecipazione dei lavoratori*… * Nota nazionale – Alla data di pubblicazione della norma, si rimanda all’art. 37, comma 12 del Decreto Legislativo 81 del 9 aprile 2008 “Attuazione dell’articolo 1 della Legge 123 del 3 agosto 2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” e s.m.i. (… la formazione dei lavoratori e quella dei loro rappresentanti deve avvenire, in collaborazione con gli Organismi Paritetici, ove presenti nel settore e nel territorio in cui si svolge l’attività del datore di lavoro, durante l’orario di lavoro e non può comportare oneri economici a carico dei lavoratori…).

7.2 Competenza …Nota. Le azioni applicabili possono comprendere, per esempio: il provvedere alla formazione, il mentoring, o la riallocazione delle persone attualmente impiegate oppure l’assunzione o l’incarico a contratto di persone competenti*…

* Nota nazionale – Alla data di pubblicazione della norma, la legislazione Italiana su questo aspetto disciplina la materia alla lettera l) del comma 1 dell’art. 18 del Decreto Legislativo 81 del 9 aprile 2008 “Attuazione dell’articolo 1 della Legge 123 del 3 agosto 2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” e s.m.i., alla quale si rimanda. (…Il datore di lavoro…e i dirigenti…devono…adempiere agli obblighi di informazione, formazione e addestramento di cui agli articoli 36 e 37)…

8.1.2 Eliminazione dei pericoli e riduzione dei rischi per la SSL Nota.

In molti paesi, i requisiti legali e altri requisiti includono il requisito della fornitura gratuita ai lavoratori di dispositivi di protezione individuale (DPI)*. * Nota nazionale – Alla data di pubblicazione della norma, in applicazione della Direttiva Europea 89/391/CEE, la legislazione Italiana disciplina la materia alla lettera d) del comma 1 dell’art. 18 del Decreto Legislativo 81 del 9 aprile 2008 “Attuazione dell’articolo 1 della Legge 123 del 3 agosto 2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” e s.m.i., alla quale si rimanda. (…Il datore di lavoro…e i dirigenti…devono…fornire ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale.) Inoltre, la Direttiva del Consiglio, del 12 giugno 1989, concernente l’attuazione di misure volte a promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro (89/391/CEE), all’art. 6 comma 5 recita: “Le misure relative alla sicurezza, all’igiene e alla salute durante il lavoro non devono in nessun caso comportare oneri finanziari per i lavoratori.”

A.5.3 Ruoli, responsabilità e autorità nell’organizzazione …I lavoratori sono messi in grado di riferire in merito a situazioni pericolose in modo che si possano intraprendere azioni*. Essi sono in grado di segnalare motivi di preoccupazione alle autorità responsabili, come richiesto, senza la minaccia di licenziamento, azioni disciplinari o altre forme di ritorsione…

* Nota nazionale – Alla data di pubblicazione della norma, si rimanda all’art. 20, comma 2, lettera e) del Decreto Legislativo 81 del 9 aprile 2008 “Attuazione dell’articolo 1 della Legge 123 del 3 agosto 2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” e s.m.i. (Obbligo per i lavoratori di “…segnalare immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dei dispositivi di cui alle lettere c) e d), nonché qualsiasi eventuale condizione di pericolo di cui vengano a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell’ambito delle proprie competenze e possibilità e fatto salvo l’obbligo di cui alla lettera f) per eliminare o ridurre le situazioni di pericolo grave e incombente, dandone notizia al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza…”).

A.6.1.2 Identificazione dei pericoli e valutazione dei rischi e delle opportunità* * Nota nazionale – Alla data di pubblicazione della norma, la valutazione dei rischi per la salute e sicurezza sul lavoro è trattata dall’art. 28 “Oggetto della valutazione dei rischi”, del Decreto Legislativo 81 del 9 aprile 2008 “Attuazione dell’articolo 1 della Legge 123 del 3 agosto 2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” e s.m.i..

Nella Brochure dell’UNI sono inoltre presenti alcune importanti citazioni tra cui:

“””La pubblicazione della UNI ISO 45001 può essere considerato un nuovo punto di inizio che apre nuove possibilità e nuovi scenari su cui lavorare, a livello nazionale e internazionale, per migliorare le performance di prevenzione nelle imprese e contrastare efficacemente il triste fenomeno degli infortuni e delle malattie professionali. L’esperienza ha sin qui mostrato che le imprese che hanno adottato l’approccio gestionale proposto dalla OHSAS 18001 hanno visto migliorare il proprio andamento infortunistico rispetto alla media. La UNI ISO 45001, con il suo focus su leadership, coinvolgimento dei lavoratori, valutazione dei rischi, gestione dell’outsourcing, rafforza l’approccio gestionale e organizzativo per sostenere l’adozione di una cultura di impresa che guardi alla salute e alla sicurezza sul lavoro non solo come a un adempimento normativo, ma come una parte essenziale dei processi lavorativi e a un’opportunità di miglioramento e crescita complessiva delle performance aziendali. La UNI ISO 45001 può contribuire a ciò anche in virtù della sua struttura integrata con quella delle norme di gestione per la qualità e per l’ambiente. Importante è anche l’appendice nazionale, redatta in sede di adozione, che aiuta nel fornire una corretta relazione con il quadro legislativo. La gestione della sicurezza inserita e integrata nella gestione complessiva delle aziende può generare un nuovo modello di competitività sostenibile che occorre sostenere e perseguire.”””
Fabrizio Benedetti Coordinatore Generale Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione centrale INAIL

“””La UNI ISO 45001 è un progresso rispetto alla OHSAS 18001 verso l’eccellenza nei sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro e può essere una leva “culturale” che dimostra ai datori di lavoro come rinnovare il proprio SGSL sia un’opportunità da perseguire per i numerosi benefici che comporta. Interpretando appieno lo spirito dell’approccio al rischio proposto dalla HLS, compone la visione tradizionale delle minacce alla salute e sicurezza sul lavoro – legata a pericoli e relative conseguenze – con quella più ampia di una gestione del rischio volta a cogliere le opportunità potenziali che si presentano nei vari ambiti della vita dell’organizzazione, mentre si fronteggiano gli effetti indesiderati. L’insieme delle due consente prestazioni superiori rispetto all’applicazione separata. Consente di trattare aspetti quali il benessere e la qualità della vita dei lavoratori, pur non essendo dei requisiti. Il rispetto delle leggi in materia è specificato nello scopo e campo di applicazione ed è ribadito numerose volte lungo tutta la norma. È base ineludibile per costruire sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro UNI ISO 45001, i cui requisiti hanno come obiettivo il miglioramento delle prestazioni, andando ben oltre la sola conformità legislativa. La UNI ISO 45001 ancora una volta ribadisce con forza il principio che la sicurezza non è un costo, bensì un investimento.”””

Gennaro Bacile di Castiglione Esperto designato dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri negli organi tecnici UNI, iscritto all’Ordine degli Ingegneri di Monza e Brianza

“””L’analisi del contesto, introdotta al par. 4.1 della UNI ISO 45001, chiarisce che le strategie aziendali, messe in atto per perseguire la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori nell’ambito di un efficace sistema di gestione conforme alla norma, sono influenzate da fattori sia interni che esterni all’organizzazione. L’obiettivo dell’analisi è quello di individuare e comprendere i fenomeni che possono influenzare, positivamente o negativamente, le modalità con cui l’azienda affronta le proprie responsabilità in materia di salute e sicurezza dei lavoratori. In particolare, l’analisi del contesto interno considera le politiche adottate dall’organizzazione nell’approccio con i lavoratori, gli appaltatori, i clienti e tutte le parti interessate, mentre il contesto esterno comprende gli aspetti derivanti dalla legislazione vigente, il contesto sociale, le variazioni economiche nel mercato, gli eventi che possono influire sull’immagine aziendale e le innovazioni tecnologiche, che hanno un impatto potenzialmente rilevante per la prevenzione e il contrasto del fenomeno infortunistico. Tutti i fattori individuati dall’analisi del contesto potranno essere riportati all’alta direzione aziendale, per avviare delle indagini specifiche (es. brainstorming) e far emergere le idee valide per la risoluzione di eventuali problematiche, indirizzando l’organizzazione stessa ad adottare strategie vincenti per un efficace sistema di gestione della salute e sicurezza dei lavoratori.”””
Irene Uccello Funzionario Tecnico Dipartimento Certificazione e Ispezione di Accredia

fonte: http://www.uni.com/index.php?option=com_content&view=article&id=7049

Scarica la Brochure UNI sulla norma UNI ISO 45001

*si raccomanda di fare sempre riferimento al testo originale della Brochure dell'UNI sulla nuova norma  UNI ISO 45001:2018

TUV Intercert e MTIC Intercert ritengono che uno degli aspetti importanti per affrontare l’implementazione di un nuovo Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza o per la transizione dalla OHSAS 18001 sia la “formazione”.

Seguici per conoscere a breve le date dei Corsi di Formazione della MTIC Academy sulla nuova Norma UNI ISO 45001.

*by Oliviero Casale

0 Continue Reading →

ISO 45001:2018 – Pubblicazione prevista 12 marzo 2018

La norma ISO 45001 è prossima alla pubblicazione.


22 febbraio 2018 – Sul sito ISO è stata resa pubblica la data del 12 marzo come possibile termine del processo di pubblicazione della norma ISO 45001:2018.

La nuova norma ISO 45001 “Occupational Health & Safety Management Systems – Requirements with guidance for use” è la prima norma ISO certificabile sui Sistemi di Gestione per la salute e sicurezza sul lavoro.

Vediamo più in dettaglio gli ultimi aggiornamenti e le date significative per il rilascio del nuovo standard.

Il ballot sul FDIS si è concluso il 25 gennaio 2018 con l’approvazione definitiva della ISO 45001.

Come indicato sul sito ISO, la norma ha raggiunto lo stato 60.00 International Standard under publication.

Da notizie diffuse da componenti dell’ ISO/PC 283, il Final Draft ha avuto il 93% dei voti favorevoli da parte dei “P-Members” ISO.

Il ballot sull’ ISO/FDIS 45001 ha ottenuto 62 voti di approvazione, 4 voti contrari e 9 astensioni. Quindi, l’ ISO/FDIS 45001 è stato approvato per la pubblicazione come International Standard.

Ricordiamo, inoltre, che lo scorso 18 gennaio 2018 l’International Accreditation Forum ha rilasciato l’atteso documento IAF MD 21:2018, contenente le indicazioni per la migrazione alla ISO 45001:2018 dalla OHSAS 18001:2007.

Per maggiori approfondimenti sulla norma ISO 45001


CORSO DI FORMAZIONE “La nuova norma ISO 45001” – Reggio Emilia | 12 aprile 2018

4 Continue Reading →

Adesione al Comitato Guida AICQ Industria 4.0

In qualità di General Manager ho ritenuto importante che TÜV InterCert fosse tra gli Enti che hanno collaborato all’organizzazione del Convegno Nazionale AICQ Industria 4.0,  ritenendo di grande interesse la diffusione della cultura dell’innovazione e della qualità ad imprese e professionisti.

Il Comitato si è riunito il 30 maggio 2017 a Roma nella prestigiosa Sala del Tempio di Adriano della Camera di Commercio di Roma.

Risultati immagini per aicq 4.0

Allo stesso tempo, in rappresentanza di ALPI, ho aderito al Comitato Guida AICQ Industria 4.0 composto attualmente da oltre 70 illustri rappresentanti di enti, associazioni ed organizzazioni di rilevanza nazionale, che ha come obiettivo la pubblicazione di un “Position Paper” sui temi dell’Innovazione e della Qualità.

Il Comitato Guida AICQ Industria 4.0, dopo aver definito il modello delle “Capabilities della Qualità”, ha realizzato una seconda indagine per valutare l’impatto che avranno le Tecnologie abilitanti sulle varie Capabilities.

Questa parte dei lavori, come riportato sul N°6 2917 della rivista Qualità di AICQ, è propedeutica alla successiva, in cui si affronterà il tema delle competenze e di quali conoscenze ed abilità bisognerà implementare per affrontare la Quarta Rivoluzione Industriale, avendo come focus la Qualità dei Sistemi di Gestione.

4 Continue Reading →

ISO 31000 – Nuovo comunicato ISO

La nuova ISO 31000 per la Gestione dei Rischi in azienda attesa in febbraio


21. gennaio 2018 – Il Comitato Tecnico ISO 262 Risk Management ha rilasciato un nuovo comunicato, la nuova ISO 31000 sarà rilasciata nel mese di febbraio 2018.

Nel comunicato è dato risalto all’importanza della Leaderhip: il Top Management deve essere responsabile della Gestione dei Rischi all’interno dell’Organizzazione assegnando le opportune responsabilità a tutti i livelli e le opportune risorse per poterli gestire.

Framework
Clause 5 was reviewed by a dedicated task group and has two strong new focal aspects:

  • leadership;
  • integration.

In respect of ‘Leadership’, it is emphasized that top management and the oversight bodies, where applicable, should assume the following duties:

  • customizing and implementing all components of the framework;
  • issuing a statement or policy that establishes a risk management approach, plan, or course of action;
  • assigning authority, responsibility and accountability at appropriate levels within the organization and ensuring that the necessary resources are allocated to managing risk.

Top management is accountable for managing risk while oversight bodies are accountable for overseeing risk management.

‘Integration’ considers the governance of the organization, with its external and internal relationships and rules, processes and practices. Risk management should be part of the organization’s structure, goals, strategy and activities. Everyone in an organization has responsibility for managing risk. It is an integral part and not separate from the organizational purpose, governance, leadership and management.

La gestione del rischio, inoltre, dovrebbe far parte della struttura dell’organizzazione, degli obiettivi, della strategia e delle attività. In un’organizzazione ognuno ha la responsabilità della gestione del rischio. È parte integrante e non separata dallo scopo organizzativo, dalla governance, dalla leadership e dalla gestione.

Scarica il documento ufficiale ISO

Per maggiori approfondimenti sulla norma ISO 31000


CORSO DI FORMAZIONE “La nuova norma ISO 31000” – Reggio Emilia | 21 marzo 2018

3 Continue Reading →

Approvata la norma ISO 45001:2018 – attesa la pubblicazione

Approvata definitivamente la norma ISO 45001. La pubblicazione è prevista entro il mese di marzo 2018.


27 gennaio 2018 – La nuova norma ISO 45001 “Occupational Health & Safety Management Systems – Requirements with guidance for use” è la prima norma ISO certificabile sui Sistemi di Gestione per la salute e sicurezza sul lavoro.

Vediamo più in dettaglio gli ultimi aggiornamenti e le date significative per il rilascio del nuovo standard.

 

Il ballot sul FDIS si è concluso il 25 gennaio 2018 con l’approvazione definitiva della ISO 45001.

Come indicato sul sito ISO, la norma ha raggiunto lo stato 60.00 International Standard under publication.

Da notizie diffuse da componenti dell’ ISO/PC 283, il Final Draft ha avuto il 93% dei voti favorevoli da parte dei “P-Members” ISO.

Il ballot sull’ ISO/FDIS 45001 ha ottenuto 62 voti di approvazione, 4 voti contrari e 9 astensioni. Quindi, l’ ISO/FDIS 45001 è stato approvato per la pubblicazione come International Standard.

Il Comitato Tecnico ISO/PC 283 stima che il processo di pubblicazione sarà completato nell’arco di 2/3 settimane, a partire dall’approvazione del FDIS.

Ricordiamo, inoltre, che lo scorso 18 gennaio 2018 l’International Accreditation Forum ha rilasciato l’atteso documento IAF MD 21:2018, contenente le indicazioni per la migrazione alla ISO 45001:2018 dalla OHSAS 18001:2007.

Per maggiori approfondimenti sulla norma ISO 45001


CORSO DI FORMAZIONE “La nuova norma ISO 45001” – Reggio Emilia | 12 aprile 2018

3 Continue Reading →

Kaizen Award Italia | Il premio del miglioramento continuo

Il riconoscimento mondiale che premia le eccellenze Kaizen


Da 6 anni nel mondo, dal 2017 è arrivato finalmente anche in Italia il Kaizen Award: un riconoscimento alle aziende di tutti i settori e dimensioni impegnate nel miglioramento continuo ed alle persone che meglio hanno interpretato lo spirito Kaizen. Il premio ha tra i propri obiettivi quello di riconoscere le  best practices  aziendali nel miglioramento continuo e di sostenere le persone, i team ed i leader che si sono impegnati e hanno ottenuto i migliori risultati nel percorso verso il miglioramento. Per le aziende, candidarsi al premio significa inoltre poter contare su un importante riconoscimento.

Una grande occasione di visibilità


Kaizen Award Italia è poi una grande occasione di visibilità per partecipanti e vincitori, che godranno delle uscite dedicate al premio sui canali di comunicazione di Kaizen Institute, sul magazine Gembakaizen.it, nei comunicati e nelle uscite stampa dedicate all’Award. Per I vincitori è inoltre previsto l’accesso al Kaizen Award Global 2019 che raccoglie i vincitori da tutto il mondo.

La premiazione e la celebrazione nell’evento con Masaaki Imai


La premiazione della seconda edizione di Kaizen Award Italia è in programma mercoledì 4 luglio 2018 nel corso di un evento che vedrà la testimonianza di aziende e imprenditori su risultati e percorsi di miglioramento continuo. Un’ulteriore cerimonia è prevista inoltre nel corso dell’annuale incontro con Masaaki Imai della seconda metà del 2018: la cornice più prestigiosa per ottenere questo importantissimo riconoscimento. La giuria sarà composta da rappresentanti del mondo Kaizen, delle professioni, dell’impresa, della comunicazione e dell’università.

La giuria


TÜV InterCert sarà tra i membri della commissione che valuterà i progetti sviluppati in ottica Kaizen e che rispettino le seguenti caratteristiche:

  • I progetti candidati non devono essere stati conclusi da più di due anni.
  • I progetti candidati non devono necessariamente essere stati portati avanti in collaborazione con Kaizen Institute.
  • I progetti candidati possono essere già stati premiati in occasione di altri concorsi (non promossi da Kaizen Institute).
  • Il modulo di candidatura deve essere compilato in tutte le sue parti e inviato online entro e non oltre il  13 aprile 2018.
  • Sarà possibile inviare anche altre informazioni aggiuntive sul progetto che si intende candidare (indicatori, foto, video, etc…).
  • Le candidature pervenute oltre il 13 aprile 2018 non verranno ammesse al concorso.
  • La partecipazione all’iniziativa è gratuita

Link uitli per maggiori dettagli sulle modalità di candidatura, i premi e le date importanti:

0 Continue Reading →

Playground | Aggiornamenti normativi EN 1176-x

In ottobre 2017 sono state pubblicate le nuove edizioni delle norme della serie EN 1176 ed entreranno in vigore da aprile 2018.

Le normative che sono state oggetto di revisione sono:

La norma EN 1176 specifica i requisiti generali di sicurezza delle attrezzature per aree da gioco pubbliche e le superfici. La norma copre le attrezzature per aree da gioco per tutti i bambini.

Si applica a tutte le attrezzature per aree da gioco per uso individuale e collettivo da parte dei bambini, escludendo le attrezzature da gioco considerate come parchi gioco avvenura e le attrezzature definite come giocattoli nella UNI EN 71 e dalla Direttiva riguardante la sicurezza dei giocattoli.

Clicca per approfondimenti sulla norma EN 1176

0 Continue Reading →