Skip to Content

Blog Archives

TÜV InterCert a FARETE 2017 – Il meeting point delle imprese a Bologna

0 Continue Reading →

Ultime novità del Piano Nazionale Industria 4.0

Il Piano Nazionale Industria 4.0, le cui agevolazioni sono state approvate con la Legge di Bilancio 2017, prevede una serie di incentivi fiscali per le imprese che investono in tecnologia e digitalizzazione.

Un passo importante verso l’attuazione del Piano è rappresentato dalla Circolare n. 4/E, pubblicata il 30 marzo dall’Agenzia delle Entrate e redatta congiuntamente con il Ministero dello Sviluppo economico, con cui vengono fornite indicazioni operative sull’utilizzo del super ammortamento e dell’iper ammortamento.

Super Ammortamento e Iper Ammortamento: cosa sono?

SUPER AMMORTAMENTOIPER AMMORTAMENTO
Deduzione extracontabile del 40% per gli investimenti in beni strumentali nuovi, impianti e macchinari, prorogato con la Legge di Bilancio 2017 sugli acquisti di tali beni avvenuti entro il 31 dicembre 2017 e consegnati entro il 30 giugno 2018, che porta al 140% il valore della deduzione, riducendo la base imponibile su cui vengono calcolate le imposte.

La disciplina del super ammortamento riguarda tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa e di lavoro autonomo, eccetto i contribuenti titolari di partita Iva in regime forfettario (ammessi al contrario i titolari di p.Iva in regime dei minimi).

Maggiorazione del 150% del costo dei beni strumentali acquistati, entro il 31 dicembre 2017 e consegnati entro il 30 giugno 2018, per trasformare l’impresa in chiave tecnologica e digitale 4.0.

Maggiorazione del 40% sul costo di acquisto di beni strumentali immateriali (alcuni software, sistemi IT e attività di system integration) per i soggetti che beneficiano dell’iper ammortamento. Entrambe introdotte con la Legge di Bilancio 2017.

La maggiorazione del 150% si rivolge ai soggetti titolari di reddito d’impresa.

Per quanto riguarda l’iper ammortamento, la circolare ha ribadito che presupposto imprescindibile per accedere alla maggiorazione del 150% del costo ammortizzabile è che il bene risulti interconnesso, ovvero rientri in una delle seguenti categorie:

  • sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità;
  • dispositivi per l’interazione uomo-macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro in logica «4.0»;
  • beni immateriali (software, sistemi e/o system integration, piattaforme e applicazioni).

Nella Circolare n. 4/E, inoltre, vengono evidenziate le indicazioni per la redazione della Perizia Tecnica Giurata e dell’Attestato di Conformità per l’ottenimento del regime agevolativo da parte delle Imprese.

Pertanto, per poter usufruire dei benefici dell’iper ammortamento e della maggiorazione relativa ai beni immateriali, è necessario che il soddisfacimento dei requisiti di legge siano attestati:

  • per i beni dal costo unitario di acquisizione superiore a € 500.000, da una Perizia Tecnica Giurata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale iscritti nei rispettivi albi professionali ovvero da un Attestato di Conformità rilasciato da un Ente di Certificazione accreditato”. Gli ingegneri e i periti devono essere “terzi” rispetto ai produttori e/o fornitori dei beni strumentali, servizi/beni immateriali oggetto della perizia; inoltre, oggetto della perizia/attestazione può essere anche una pluralità di beni agevolati;
  • “per i beni dal costo unitario di acquisizione inferiore o uguale a € 500.000, da una dichiarazione resa dal Legale Rappresentante (tale dichiarazione può anche essere sostituita dalla perizia tecnica giurata o dall’attestato di conformità di cui al punto precedente).

Inoltre, è opportuno che la perizia/attestazione di conformità sia accompagnata da un’Analisi Tecnica. Quest’ultima deve essere redatta, dal professionista o dall’Ente di Certificazione, in modo da tutelare la proprietà intellettuale e la riservatezza dell’utilizzatore del bene, nonché di terze parti coinvolte. Inoltre, dovendo essere custodita presso la sede del beneficiario dell’agevolazione, potrà essere esibita soltanto su richiesta degli organi di controllo o su mandato dell’autorità giudiziaria.

TÜV InterCert, per accompagnare le organizzazioni in questo processo di innovazione e per permettere loro di sfruttare le opportunità previste dal Piano Nazionale Industria 4.0, ha attivato una specifica unità, TÜV InterCert Industria 4.0.

 

Contattaci per maggiori informazioni:

info@tuvintercert.com – 0522 409611

2 Continue Reading →