Skip to Content

Blog Archives

Disponibile il secondo Draft della Norma ISO 45001

Disponibile il secondo Draft della Norma ISO 45001


Il 17 marzo 2017 è stato registrato sul sito di ISO, il secondo Draft della Norma ISO 45001 “Sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro e della salute – Requisiti e guida per l’uso”.

Il DIS 2 della Norma ISO 45001 è stato reso disponibile per l’acquisto nella versione in inglese dal BSI mentre gli Enti di Normazione di ogni Stato dovranno rendere disponibile il testo tradotto nella propria lingua per consentire la fase di commenti e votazione che terminerà il 13 luglio 2017.

L’ISO ha già fissato nei giorni del 18-23 settembre 2017 il Meeting a Malacca (Malesia) dell’ISO/PC 283 e del WG1 per esaminare i risultati del voto.

Le prossime date che porteranno al rilascio della Norma sono:

  • Novembre 2017 – fase di approvazione FDIS, nel caso in cui verrà richiesto
  • Febbraio 2018 – pubblicazione ISO 45001.

Vai alla pagina della norma ISO 45001 per tutti gli aggiornamenti

2 Continue Reading →

Dispositivi medici: approvati i nuovi Regolamenti

Il 5 aprile, il Parlamento Europeo ha approvato i nuovi Regolamenti riguardanti i Dispositivi Medici (DM) e i Dispositivi Diagnostici in Vitro (IVD), che entreranno in vigore in tutti gli Stati Membri entro,  rispettivamente, i tre e i cinque anni dalla loro pubblicazione.

Obiettivo principale di tali regolamenti è assicurare una maggiore tutela per la salute pubblica e la sicurezza del paziente.

Sono state introdotte, infatti, norme più severe per garantire la rintracciabilità dei prodotti e la conformità ai requisiti di sicurezza. Inoltre, è stata rafforzata la trasparenza delle informazioni, tanto per i produttori, i fabbricanti e gli importatori quanto per i pazienti, ai quali verrà fornita una tessera dell’impianto, che potranno utilizzare per accedere alle informazioni tramite una banca dati accessibile al pubblico.

Previsti, inoltre, controlli post-vendita più severi: i produttori, infatti, saranno obbligati a monitorare le prestazioni dei dispositivi immessi sul mercato.

Gli stessi Organismi Notificati, che per espletare le procedure di certificazione dovranno assumere personale qualificato, saranno soggetti a controlli. Ma allo stesso tempo avranno maggiore autorità nella sorveglianza delle strutture dei produttori dopo l’immissione sul mercato dei prodotti: ispezioni a campione, audit senza preavviso, infatti, avranno quale unico obiettivo quello di ridurre i pericoli derivanti da dispositivi non sicuri.

Contattaci per maggiori informazioni:

info@tuvintercert.it – 0522 409611

2 Continue Reading →

Ultime novità del Piano Nazionale Industria 4.0

Il Piano Nazionale Industria 4.0, le cui agevolazioni sono state approvate con la Legge di Bilancio 2017, prevede una serie di incentivi fiscali per le imprese che investono in tecnologia e digitalizzazione.

Un passo importante verso l’attuazione del Piano è rappresentato dalla Circolare n. 4/E, pubblicata il 30 marzo dall’Agenzia delle Entrate e redatta congiuntamente con il Ministero dello Sviluppo economico, con cui vengono fornite indicazioni operative sull’utilizzo del super ammortamento e dell’iper ammortamento.

Super Ammortamento e Iper Ammortamento: cosa sono?

SUPER AMMORTAMENTOIPER AMMORTAMENTO
Deduzione extracontabile del 40% per gli investimenti in beni strumentali nuovi, impianti e macchinari, prorogato con la Legge di Bilancio 2017 sugli acquisti di tali beni avvenuti entro il 31 dicembre 2017 e consegnati entro il 30 giugno 2018, che porta al 140% il valore della deduzione, riducendo la base imponibile su cui vengono calcolate le imposte.

La disciplina del super ammortamento riguarda tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa e di lavoro autonomo, eccetto i contribuenti titolari di partita Iva in regime forfettario (ammessi al contrario i titolari di p.Iva in regime dei minimi).

Maggiorazione del 150% del costo dei beni strumentali acquistati, entro il 31 dicembre 2017 e consegnati entro il 30 giugno 2018, per trasformare l’impresa in chiave tecnologica e digitale 4.0.

Maggiorazione del 40% sul costo di acquisto di beni strumentali immateriali (alcuni software, sistemi IT e attività di system integration) per i soggetti che beneficiano dell’iper ammortamento. Entrambe introdotte con la Legge di Bilancio 2017.

La maggiorazione del 150% si rivolge ai soggetti titolari di reddito d’impresa.

Beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati o gestito tramite opportuni sensori e azionamenti; per quanto riguarda l’iper ammortamento, la circolare ha ribadito che presupposto imprescindibile per accedere alla maggiorazione del 150% del costo ammortizzabile è che il bene risulti interconnesso, ovvero rientri in una delle seguenti categorie:

  • sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità;
  • dispositivi per l’interazione uomo-macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro in logica «4.0»;
  • beni immateriali (software, sistemi e/o system integration, piattaforme e applicazioni).

Nella Circolare n. 4/E, inoltre, vengono evidenziate le indicazioni per la redazione della Perizia Tecnica Giurata e dell’Attestato di Conformità per l’ottenimento del regime agevolativo da parte delle Imprese.

Pertanto, per poter usufruire dei benefici dell’iper ammortamento e della maggiorazione relativa ai beni immateriali, è necessario che il soddisfacimento dei requisiti di legge siano attestati:

  • per i beni dal costo unitario di acquisizione superiore a € 500.000, da una Perizia Tecnica Giurata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale iscritti nei rispettivi albi professionali ovvero da un Attestato di Conformità rilasciato da un Ente di Certificazione accreditato”. Gli ingegneri e i periti devono essere “terzi” rispetto ai produttori e/o fornitori dei beni strumentali, servizi/beni immateriali oggetto della perizia; inoltre, oggetto della perizia/attestazione può essere anche una pluralità di beni agevolati;
  • “per i beni dal costo unitario di acquisizione inferiore o uguale a € 500.000, da una dichiarazione resa dal Legale Rappresentante (tale dichiarazione può anche essere sostituita dalla perizia tecnica giurata o dall’attestato di conformità di cui al punto precedente).

Inoltre, è opportuno che la perizia/attestazione di conformità sia accompagnata da un’Analisi Tecnica. Quest’ultima deve essere redatta, dal professionista o dall’Ente di Certificazione, in modo da tutelare la proprietà intellettuale e la riservatezza dell’utilizzatore del bene, nonché di terze parti coinvolte. Inoltre, dovendo essere custodita presso la sede del beneficiario dell’agevolazione, potrà essere esibita soltanto su richiesta degli organi di controllo o su mandato dell’autorità giudiziaria.

TÜV InterCert, per accompagnare le organizzazioni in questo processo di innovazione e per permettere loro di sfruttare le opportunità previste dal Piano Nazionale Industria 4.0, ha attivato una specifica unità, TÜV InterCert Industria 4.0, per offrire i seguenti servizi:

Contattaci per maggiori informazioni:

info@tuvintercert.com – 0522 409611

2 Continue Reading →

Sicurezza IT a rischio

Per la prima volta, l’Italia è nella top ten dei paesi in cui si sono registrati, nel 2016, gli attacchi informatici più gravi. È quanto emerge dal Rapporto Clusit 2017.

I numeri forniti dal Rapporto non sono da sottovalutare: gli attacchi compiuti per finalità di Cybercrime sono in aumento del 9,8%, mentre quelli riferibili ad attività di Cyber Warfare si aggirano intorno al 117%.

La sanità è il settore più colpito con un aumento del 102%, a seguire la grande distribuzione, aumentato del 70%, e le banche con un +64%.

La causa principale di tali attacchi deve essere ricercata nell’incapacità delle vittime di fronteggiare questi pericoli.  Spesso, infatti, le organizzazione colpite impiegano anni prima di accorgersi che informazioni private e il database aziendale sono stati compromessi.

Quella fotografata dal Rapporto, inoltre, sembra essere una situazione destinata a peggiorare con l’avvento dell’Internet of Things (IoT). Infatti, l’introduzione dello smart working o di tecnologie come il Cloud, ha maggiormente esposto le aziende ai cyber attacchi, sgretolando vecchi confini aziendali. E tenendo conto che l’IoT porterà entro il 2020 oltre 50 miliardi di dispositivi connessi,  ciò non farà altro che allargare a dismisura l’area da dover proteggere.

A ciò si aggiunge la mancanza di leggi che obbligano i produttori a garantire la sicurezza dei dispositivi venduti. Il loro obiettivo è, infatti, quello di vendere al minor prezzo per acquisire maggiori quote di mercato e non prestano particolare attenzione agli aspetti legati alla security.

Per sopperire alla mancanza di una normativa in grado di gestire efficacemente i rischi derivanti da un crimine informatico e di offrire, dunque,  una maggiore tutela alle azienda, il Comitato interministeriale ha dato il via al programma nazionale di cyber sicurezza. ll nuovo provvedimento, recependo la Direttiva UE Nis – Network and Information Security, andrà a rafforzare il ruolo del Cisr che emanerà direttive con l’obiettivo di innalzare il livello della sicurezza informatica del Paese.

TÜV InterCert offre diverse tipologie di attività a servizio delle aziende e dei professionisti che intendono difendersi dagli attacchi informatici e tutelare le proprie banche dati.

– Formazione specifica sulle tematiche IT

– Certificazioni di sistema secondo le norme: ISO/IEC 27005, ISO/IEC 27001, ISO/IEC 20000

– Certificazione Data Center

– Certificazione ePrivacy

Per prendere visione di tutti i servizi in ambito IT, clicca qui

Contattaci per maggiori informazioni:

info@tuvintercert.com – 0522 409611

2 Continue Reading →

Corrispondenza tra ISO 37001:2016 e ISO 9001:2015

Pubblicata il 13 ottobre  2016, la norma ISO 37001:2016 è il primo sistema di gestione internazionale anti-corruzione, progettato per aiutare le organizzazioni a combattere il rischio di corruzione nelle loro operazioni.

Tale norma è stata strutturata in maniera tale da integrare la nuova edizione della norma ISO 9001:2015 “Sistema di Gestione della Qualità Aziendale”, in sostituzione della precedente ISO 9001:2008, che fornisce un modello organizzativo di base, in grado di assicurare un miglioramento della qualità e dell’efficienza nella gestione di un processo aziendale.

Entrambi gli schemi si inseriscono nel complessivo sistema gestionale dell’azienda.

Al raggiungimento degli obiettivi aziendali, infatti, concorre tanto un buon sistema di gestione della qualità, quanto un efficace sistema di gestione anti corruzione, con cui l’azienda dimostra la sua capacità di operare con lealtà, correttezza e trasparenza.

Di seguito si riporta una tabella comparativa che evidenzia le principali correlazioni tra ISO 37001:2016 e ISO 9001:2015.

Tabella comparativa ISO 37001:2016 e ISO 9001:2015

0 Continue Reading →

Piano nazionale Industria 4.0

Il 7 febbraio 2017 è stata pubblicata, sul sito del Mistero dello Sviluppo Economico (Mise), la Guida al Piano Nazionale Industria 4.0, che presenta gli strumenti attuativi e gli approfondimenti tecnici volti a chiarire i dubbi relativi, in particolare, a super e iperammortamento.

Le principali novità introdotte dal Piano:

  • INCENTIVARE LE IMPRESE CHE INVESTONO IN TECNOLOGIE E BENI NUOVI, prevedendo un incremento dell’aliquota dal 140% (superammortamento) al 250% (iperammortamento);
  • AUMENTARE LA SPESA PRIVATA IN RICERCA&SVILUPPO, con il credito d’imposta pari al 50% sulle spese incrementali in Ricerca e Sviluppo;
  • ACCELERARE L’INNOVAZIONE, prevedendo detrazioni fiscali al 30% per investimenti fino a 1 milione di euro in Pmi innovative o Startup.

 

Il Piano punta anche allo sviluppo di nuove competenze e alla formazione attraverso:

  • scuola digitale e alternanza scuola-lavoro;
  • percorsi Universitari e Istituti Tecnici Superiori dedicati;
  • potenziamento dei Cluster e dei dottorati;
  • creazione Competence Center e Digital Innovation Hub.

 

Nella giuda è presente, inoltre, la sezione “Competitività”, che rappresenta un vademecum su misure introdotte, rafforzate o corrette nell’ultima Legge di bilancio su:

  • accesso al credito;
  • situazione patrimoniale delle imprese italiane;
  • riduzione della pressione fiscale;
  • scambio salario-produttività.

 

TÜV InterCert offre il servizio di perizia tecnica giurata, in conformità a quanto previsto all’art.1, comma 11 della Legge 11 dicembre 2016, n. 232 “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2017 e bilancio pluriennale per il triennio 2017-2019”.

 

0 Continue Reading →

Pubblicazione ISO 45001 | Aggiornamenti sulla norma

8 febbraio 2017

Sono in corso i lavori per lo sviluppo della nuova norma ISO 45001 in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
A partire da ieri 6 febbraio 2017 e fino al 10 febbraio, il Gruppo di Lavoro WG1 dell’ ISO/PC 283 è riunito a Vienna per completare la revisione dei commenti sul precedente DIS.

La pubblicazione del nuovo standard ISO 45001 potrebbe avvenire a ottobre/novembre 2017 o, comunque, entro i primi mesi del 2018.

Vediamo più in dettaglio le prossime fasi di sviluppo della norma.


Ultimi aggiornamenti sullo standard ISO 45001 – Febbraio 2017

Il meeting di Vienna dovrebbe portare all’elaborazione di indicazioni per la revisione e la preparazione del testo del secondo draft (DIS2) della ISO 45001 entro marzo 2017.

Il DIS2 dovrebbe, quindi, essere rilasciato per la traduzione tra marzo ed aprile 2017.

Se saranno rispettate tali tempistiche, tra giugno e luglio 2017 dovrebbe essere aperta una votazione sul DIS2 della ISO 45001, i cui risultati saranno discussi in un meeting del WG1 e della commissione ISO/PC 283 nel mese di settembre 2017.

Se il DIS2 sarà approvato e se non verrà richiesta la fase di FDIS, la pubblicazione della nuova norma ISO 45001 – Sistema di gestione per la salute e sicurezza dei lavoratori potrebbe avvenire nel periodo di ottobre/novembre 2017.

In caso contrario, la pubblicazione slitterà nel primo quadrimestre dell’anno 2018.

0 Continue Reading →

Dispositivi medici: pubblicata la nuova edizione della norma UNI CEI EN ISO 13485

7 dicembre 2016

Requisiti per un sistema di gestione della qualità specifico per l’industria dei dispositivi medici

La nuova edizione della norma internazionale ISO 13485 è già stata recepita in sede europea e adottata in Italia come norma UNI CEI EN ISO 13485 “Dispositivi medici – Sistemi di gestione per la qualità – Requisiti per scopi regolamentari”.

La nuova norma – una delle più importanti nel mondo dei “medical device“, “active medical device” e “in vitro diagnostics” – stabilisce i requisiti per un sistema di gestione della qualità specifico per l’industria dei dispositivi medici. La norma è stata revisionata per rispondere ai più recenti sviluppi dei sistemi di gestione per la qualità (è stata infatti da poco pubblicata la nuova edizione della norma ISO 9001), alle nuove tecnologie e ai requisiti legislativi associati a questo settore.

Tra i miglioramenti apportati nella nuova versione della norma troviamo un ampliamento della sua applicazione a tutti gli attori coinvolti nell’intero ciclo di vita dei prodotti che va dalla loro progettazione fino a fine vita, una migliore armonizzazione dei requisiti regolamentari e una più grande attenzione alla sorveglianza post vendita, compresa la gestione dei reclami. Inoltre ha un peso maggiore il risk management, in quanto viene esteso a tutte le fasi del processo del sistema qualità e non soltanto alla fase di progettazione del dispositivo medico come era previsto nella precedente versione.

Le aziende certificate in base alla precedente versione della norma che desiderano passare alla nuova edizione del 2016 potranno beneficiare di un periodo di transizione di tre anni.

UNI metterà al più presto a disposizione anche la versione in lingua italiana del documento.

fonte: http://www.uni.com

0 Continue Reading →

Un nuovo schema per “combattere” la corruzione | ISO 37001:2016

17. ottobre 2016

Pubblicata ufficialmente sul sito dell’ISO la norma 37001:2016: “Un nuovo strumento di business progettato per combattere la corruzione”.

Pubblicata il 13 ottobre  2016 la norma ISO 37001:2016 è il primo sistema di gestione internazionale anti-corruzione progettato per aiutare le organizzazioni a combattere il rischio di corruzione nelle loro operazioni.

Ha il potenziale di fornire uno strumento utile per prevenire, individuare e ad affrontare la corruzione in modo da ridurre sia i rischi d’impresa che i costi legati alla corruzione.

Molte organizzazioni hanno già investito tempo e risorse significative nello sviluppo di processi e sistemi interni per prevenire la corruzione. La ISO 37001:2016 “Sistema di Gestione Anti Corruzione – Requisiti e Guida per l’uso” è stata progettata per sostenere e ampliare questi sforzi, fornendo al contempo la trasparenza e la chiarezza sulle misure ed i controlli che le organizzazioni dovrebbero mettere in atto e come implementarli nel modo più efficace ed efficiente.

Fonte:  http://www.iso.org/iso/home/news_index/news_archive/news.htm?refid=Ref2125


5 dicembre 2016

Accreditamento per i Sistemi di Gestione per la prevenzione della corruzione secondo la norma ISO 37001.

Il Consiglio Direttivo ACCREDIA del 1° dicembre scorso ha approvato l’avvio di nuove attività di accreditamento degli Organismi che certificheranno i sistemi di gestione per la prevenzione della corruzione ai sensi della norma ISO 37001.

Pubblicata a ottobre, la ISO 37001 si basa sul British Standard BS 10500, prima norma a coprire questa materia già nel 2011, e definisce le modalità in base alle quali le organizzazioni potranno dichiararsi “compliance” rispetto alla prevenzione della corruzione, attraverso l’adozione misure ragionevoli e proporzionali al rischio di incorrere nel fenomeno.

Le misure e i controlli identificati per prevenire, rilevare e affrontare la corruzione rispondono a una serie di requisiti che definiscono, tra gli altri:
– Politica per la prevenzione della corruzione, procedure e controlli;
– Comunicazione di tale politica e del relativo programma a tutte le parti interessate e/o associate;
– Leadership, impegno e responsabilità;
– Procedura di sorveglianza a livello senior;
– Formazione relativa alla prevenzione della corruzione;
– Valutazione dei rischi;
– Due diligence su progetti e business partner dell’organizzazione;
– Reporting, monitoraggio, indagine e riesame dell’Alta Direzione e, se presente, dell’Organo di governance;
– Richiesta di sottoscrivere un impegno per la prevenzione della corruzione ai propri associati;
– Implementare i controlli finanziari a ridurre i rischi di corruzione;
– Azioni correttive e di miglioramento continuo.

Il sistema di gestione ai sensi della ISO 37001 può essere implementato da aziende di qualsiasi dimensione o natura, pubbliche, private o non governative, e sottoposto a verifica e certificazione da Organismi di parte terza
, con l’obiettivo di aiutare le organizzazioni a prevenire il compimento di atti corruttivi da parte dei propri dipendenti e collaboratori o da qualunque soggetto agisca per loro conto, favorendo il diffondersi di una cultura aziendale basata sull’etica e sulle buone pratiche commerciali.

fonte: http://www.accredia.it/news_detail.jsp?ID_NEWS=2319&areaNews=22&GTemplate=newsletter_mailing.jsp

0 Continue Reading →

Finanziamenti per l’efficentamento energetico in azienda

Approvato dalla Giunta Emilia-Romagna lo schema di convenzione con il MISE

Attraverso la delibera n°1897 del 14 novembre 2016 la Giunta della Regione Emilia-Romagna ha approvato lo schema di convenzione con il Ministero dello Sviluppo economico che ha pubblicato un nuovo documento di aggiornamento in materia di diagnosi energetica nelle imprese, ai sensi dell’articolo 8 del D.lgs. n. 102 del 2014.

La delibera dà il via al Programma regionale finalizzato a sostenere la realizzazione di diagnosi energetiche nelle piccole e medie imprese o l’adozione di sistemi di gestione dell’energia conformi alle norme ISO 50001.

La data di avvio del programma è prevista per il 1° gennaio 2017 e la conclusione al 31 dicembre 2019. Tra gli interventi ammissibili nell’ambito della realizzazione delle diagnosi energetiche si sono aggiunti anche “gli interventi che implicano solo modifiche gestionali, senza investimenti strumentali – come riportato in delibera -, purché sia documentato il risparmio energetico conseguito“.

Fonte: http://energia.regione.emilia-romagna.it/notizie/2016/diagnosi-energetiche-pmi-al-via-il-programma-regionale 

Vedi anche:

Sistema di Gestione dell’Energia – ISO 50001

Diagnosi energetica

Per ulteriori dettagli e sui nostri servizi per approfittare degli incentivi potete contattare i ns. uffici. t. 0522 409611 | info@tuvintercert.it 

0 Continue Reading →