Skip to Content

Blog Archives

AVVISO: termine della transizione ISO 9001 e ISO 14001

Scade tra un anno il periodo di transizione

Entro il 15 settembre 2018 le Organizzazioni sono tenute ad aggiornare la propria certificazione alle norme ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015


Da tale data, le certificazioni emesse in conformità alle precedenti edizioni delle norme non saranno più valide, con possibili ripercussioni negative sulla circolazioni dei propri prodotti e servizi sul mercato nazionale e internazionale.

A oggi, più di 1milione e 300mila organizzazioni pubbliche e private in quasi 200 Paesi hanno scelto le certificazioni ISO 9001 e ISO 14001. La certificazione secondo questi standard rappresenta un messaggio forte e positivo dell’impegno dell’impresa alla gestione della qualità e ambientale di fronte ai propri clienti e fornitori.

Tra gli elementi di novità, che dovranno essere presi in considerazione dalle Organizzazioni che hanno scelto di certificare il proprio sistema di gestione Qualità ISO 9001 e Ambientale ISO 14001:
•    applicazione dell’approccio basato sul rischio (risk based thinking);
•    identificazione dei rischi e opportunità ed azioni conseguenti per la gestione;
•    approccio del Sistema di Gestione in relazione al contesto dell’Organizzazione, fattori interni ed esterni, bisogni e aspettative delle parti interessate;
•    responsabilità della leadership;
•    coinvolgimento del personale;
•    prospettiva di ciclo di vita del prodotto/servizio erogato;
•    gestione delle informazioni documentate;
•    gestione dei fornitori e dell’outsourcing;
•    verifica delle prestazioni ed utilizzo degli indicatori di performance ai fini del miglioramento continuo.

Le organizzazioni che non hanno ancora effettuato la transizione alle norme ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015 devono contattare l’Organismo di Certificazione di riferimento, per adeguare il proprio sistema di gestione ai nuovi requisiti.

TÜV InterCert è organismo accreditato e in grado di far fronte ad ogni esigenza di Assessment e Certificazione e a supportare organizzazioni di ogni dimensione e attività.

***FONTE ACCREDIA http://www.accredia.it

Scarica il comunicato IAF

0 Continue Reading →

Safety Machinery Expert al via la 4° edizione!

Safety Machinery Expert – SME

Corso di qualifica professionale

Obiettivi

Il percorso Safety Machinery Expert – SME intende fornire una qualifica professionale riconosciuta in ambito sicurezza macchinari.

Il sempre più elevato grado di automazione dell’industria manifatturiera richiede un continuo sviluppo e aggiornamento della tecnologia e delle normative vigenti.

I requisiti essenziali di sicurezza delle macchine e degli impianti stanno evolvendo in modo significativo e i sistemi di automazione sono diventati indispensabili per gestire le funzioni di sicurezza di innumerevoli applicazioni. Ciò significa che la salute e la sicurezza degli operatori, degli equipaggiamenti e dell’ambiente dipendono fortemente dal corretto funzionamento e dall’affidabilità dei sistemi di controllo e comando.

Data la complessità e la delicatezza della materia, Safety Machinery Expert – SME è il percorso formativo di TÜV InterCert pensato e strutturato al fine di rispondere alle esigenze di tutti gli addetti al settore che hanno già partecipato a innumerevoli corsi, incontri e workshop sulla nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE, ma che ad oggi si trovano in difficoltà nel dare operatività ai concetti appresi.

Destinatari

Il corso è rivolto soprattutto personale tecnico specializzato le cui responsabilità lavorative fanno capo a progettazione, costruzione, funzionamento, manutenzione e/o adeguamento di macchine, controllo di macchine e impianti industriali (sia nuove che in servizio).

Percorso

Il percorso è strutturato in 5 moduli, frequentabili separatamente.

Al termine dell’intero percorso potrà essere svolto l’esame, in caso di esito positivo saranno rilasciati:

  • Certificato SME
  • Tesserino
  • Inserimento nel Registro Safety Machinery Expert
  • Rilascio 25 C.F. per iscritti al Collegio Periti Industriali  e Periti Industriali Laureati

 

Per informazioni: academy@tuvintercert.it0522 409611

pdf_tuvintercert Scarica la scheda del corso

0 Continue Reading →

Pubblicazione ISO 45001 | Aggiornamenti sulla norma

8 febbraio 2017

Sono in corso i lavori per lo sviluppo della nuova norma ISO 45001 in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
A partire da ieri 6 febbraio 2017 e fino al 10 febbraio, il Gruppo di Lavoro WG1 dell’ ISO/PC 283 è riunito a Vienna per completare la revisione dei commenti sul precedente DIS.

La pubblicazione del nuovo standard ISO 45001 potrebbe avvenire a ottobre/novembre 2017 o, comunque, entro i primi mesi del 2018.

Vediamo più in dettaglio le prossime fasi di sviluppo della norma.


Ultimi aggiornamenti sullo standard ISO 45001 – Febbraio 2017

Il meeting di Vienna dovrebbe portare all’elaborazione di indicazioni per la revisione e la preparazione del testo del secondo draft (DIS2) della ISO 45001 entro marzo 2017.

Il DIS2 dovrebbe, quindi, essere rilasciato per la traduzione tra marzo ed aprile 2017.

Se saranno rispettate tali tempistiche, tra giugno e luglio 2017 dovrebbe essere aperta una votazione sul DIS2 della ISO 45001, i cui risultati saranno discussi in un meeting del WG1 e della commissione ISO/PC 283 nel mese di settembre 2017.

Se il DIS2 sarà approvato e se non verrà richiesta la fase di FDIS, la pubblicazione della nuova norma ISO 45001 – Sistema di gestione per la salute e sicurezza dei lavoratori potrebbe avvenire nel periodo di ottobre/novembre 2017.

In caso contrario, la pubblicazione slitterà nel primo quadrimestre dell’anno 2018.

0 Continue Reading →

Dispositivi medici: pubblicata la nuova edizione della norma UNI CEI EN ISO 13485

7 dicembre 2016

Requisiti per un sistema di gestione della qualità specifico per l’industria dei dispositivi medici

La nuova edizione della norma internazionale ISO 13485 è già stata recepita in sede europea e adottata in Italia come norma UNI CEI EN ISO 13485 “Dispositivi medici – Sistemi di gestione per la qualità – Requisiti per scopi regolamentari”.

La nuova norma – una delle più importanti nel mondo dei “medical device“, “active medical device” e “in vitro diagnostics” – stabilisce i requisiti per un sistema di gestione della qualità specifico per l’industria dei dispositivi medici. La norma è stata revisionata per rispondere ai più recenti sviluppi dei sistemi di gestione per la qualità (è stata infatti da poco pubblicata la nuova edizione della norma ISO 9001), alle nuove tecnologie e ai requisiti legislativi associati a questo settore.

Tra i miglioramenti apportati nella nuova versione della norma troviamo un ampliamento della sua applicazione a tutti gli attori coinvolti nell’intero ciclo di vita dei prodotti che va dalla loro progettazione fino a fine vita, una migliore armonizzazione dei requisiti regolamentari e una più grande attenzione alla sorveglianza post vendita, compresa la gestione dei reclami. Inoltre ha un peso maggiore il risk management, in quanto viene esteso a tutte le fasi del processo del sistema qualità e non soltanto alla fase di progettazione del dispositivo medico come era previsto nella precedente versione.

Le aziende certificate in base alla precedente versione della norma che desiderano passare alla nuova edizione del 2016 potranno beneficiare di un periodo di transizione di tre anni.

UNI metterà al più presto a disposizione anche la versione in lingua italiana del documento.

fonte: http://www.uni.com

0 Continue Reading →

Un nuovo schema per “combattere” la corruzione | ISO 37001:2016

17. ottobre 2016

Pubblicata ufficialmente sul sito dell’ISO la norma 37001:2016: “Un nuovo strumento di business progettato per combattere la corruzione”.

Pubblicata il 13 ottobre  2016 la norma ISO 37001:2016 è il primo sistema di gestione internazionale anti-corruzione progettato per aiutare le organizzazioni a combattere il rischio di corruzione nelle loro operazioni.

Ha il potenziale di fornire uno strumento utile per prevenire, individuare e ad affrontare la corruzione in modo da ridurre sia i rischi d’impresa che i costi legati alla corruzione.

Molte organizzazioni hanno già investito tempo e risorse significative nello sviluppo di processi e sistemi interni per prevenire la corruzione. La ISO 37001:2016 “Sistema di Gestione Anti Corruzione – Requisiti e Guida per l’uso” è stata progettata per sostenere e ampliare questi sforzi, fornendo al contempo la trasparenza e la chiarezza sulle misure ed i controlli che le organizzazioni dovrebbero mettere in atto e come implementarli nel modo più efficace ed efficiente.

Fonte:  http://www.iso.org/iso/home/news_index/news_archive/news.htm?refid=Ref2125


5 dicembre 2016

Accreditamento per i Sistemi di Gestione per la prevenzione della corruzione secondo la norma ISO 37001.

Il Consiglio Direttivo ACCREDIA del 1° dicembre scorso ha approvato l’avvio di nuove attività di accreditamento degli Organismi che certificheranno i sistemi di gestione per la prevenzione della corruzione ai sensi della norma ISO 37001.

Pubblicata a ottobre, la ISO 37001 si basa sul British Standard BS 10500, prima norma a coprire questa materia già nel 2011, e definisce le modalità in base alle quali le organizzazioni potranno dichiararsi “compliance” rispetto alla prevenzione della corruzione, attraverso l’adozione misure ragionevoli e proporzionali al rischio di incorrere nel fenomeno.

Le misure e i controlli identificati per prevenire, rilevare e affrontare la corruzione rispondono a una serie di requisiti che definiscono, tra gli altri:
– Politica per la prevenzione della corruzione, procedure e controlli;
– Comunicazione di tale politica e del relativo programma a tutte le parti interessate e/o associate;
– Leadership, impegno e responsabilità;
– Procedura di sorveglianza a livello senior;
– Formazione relativa alla prevenzione della corruzione;
– Valutazione dei rischi;
– Due diligence su progetti e business partner dell’organizzazione;
– Reporting, monitoraggio, indagine e riesame dell’Alta Direzione e, se presente, dell’Organo di governance;
– Richiesta di sottoscrivere un impegno per la prevenzione della corruzione ai propri associati;
– Implementare i controlli finanziari a ridurre i rischi di corruzione;
– Azioni correttive e di miglioramento continuo.

Il sistema di gestione ai sensi della ISO 37001 può essere implementato da aziende di qualsiasi dimensione o natura, pubbliche, private o non governative, e sottoposto a verifica e certificazione da Organismi di parte terza
, con l’obiettivo di aiutare le organizzazioni a prevenire il compimento di atti corruttivi da parte dei propri dipendenti e collaboratori o da qualunque soggetto agisca per loro conto, favorendo il diffondersi di una cultura aziendale basata sull’etica e sulle buone pratiche commerciali.

fonte: http://www.accredia.it/news_detail.jsp?ID_NEWS=2319&areaNews=22&GTemplate=newsletter_mailing.jsp

0 Continue Reading →

Finanziamenti per l’efficentamento energetico in azienda

Approvato dalla Giunta Emilia-Romagna lo schema di convenzione con il MISE

Attraverso la delibera n°1897 del 14 novembre 2016 la Giunta della Regione Emilia-Romagna ha approvato lo schema di convenzione con il Ministero dello Sviluppo economico che ha pubblicato un nuovo documento di aggiornamento in materia di diagnosi energetica nelle imprese, ai sensi dell’articolo 8 del D.lgs. n. 102 del 2014.

La delibera dà il via al Programma regionale finalizzato a sostenere la realizzazione di diagnosi energetiche nelle piccole e medie imprese o l’adozione di sistemi di gestione dell’energia conformi alle norme ISO 50001.

La data di avvio del programma è prevista per il 1° gennaio 2017 e la conclusione al 31 dicembre 2019. Tra gli interventi ammissibili nell’ambito della realizzazione delle diagnosi energetiche si sono aggiunti anche “gli interventi che implicano solo modifiche gestionali, senza investimenti strumentali – come riportato in delibera -, purché sia documentato il risparmio energetico conseguito“.

Fonte: http://energia.regione.emilia-romagna.it/notizie/2016/diagnosi-energetiche-pmi-al-via-il-programma-regionale 

Vedi anche:

Sistema di Gestione dell’Energia – ISO 50001

Diagnosi energetica

Per ulteriori dettagli e sui nostri servizi per approfittare degli incentivi potete contattare i ns. uffici. t. 0522 409611 | info@tuvintercert.it 

0 Continue Reading →

23 gennaio | Corso Auditor / Lead Auditor

Corso di formazione 40 ore qualificato

Auditor / Lead Auditor di II e III parte | Sistemi di Gestione per la Qualità

PREMESSA

Realizzare valutazioni di Sistemi di Gestione di II e III parte costituisce il cuore del processo di certificazione ISO 9001, indipendentemente dall’edizione corrente, realizzato da un Organismo di Certificazione indipendente; ciò richiede per il personale incaricato una formazione ed un addestramento riconosciuti a livello globale. *Il corso è infatti riconosciuto AICQ-SICEV (nr. registro 53) e organizzato in collaborazione con Mixo Consulting S.r.l..
Il corso è valido per l’eventuale successiva certificazione AICQ-SICEV e inserimento nel relativo registro pubblico

OBIETTIVO

Fornire le conoscenze necessarie richieste dagli Organismi di Certificazione per condurre Audit di III parte (ai fini della Certificazione) su Sistemi di Gestione Qualità secondo il modello ISO 9001.
Fornire le conoscenze necessarie per condurre Audit di I parte (Audit interni all’organizzazione) o Audit di II parte (Audit presso fornitori).

CONTENUTI

Modulo 1 – Conduzione degli audit secondo le norme UNI EN ISO 19011 e UNI/CEI EN ISO/IEC 17021 2 giorni
Modulo 2 – Formazione specifica per il percorso di qualificazione Auditor SGQ 3 giorni

pdf_tuvintercert Scarica la scheda del corso

0 Continue Reading →

17 gennaio | Corso di aggiornamento: Sistemi di Gestione ISO 9001 e ISO 14001

Corso di aggiornamento: Sistemi di Gestione ISO 9001 e ISO 14001

Conoscere ed applicare i requisiti delle nuove norme

PREMESSE

Dal mese di settembre 2015 sono ufficiali le nuove versioni delle norme sui Sistemi di Gestione ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015 e si è pertanto entrati nel pieno regime di transitorietà, ovvero entro settembre 2018 decadono le precedenti versioni e tutti i sistemi di gestione certificati secondo i due schemi precedenti dovranno transitare verso le nuove norme di riferimento. Il salto nella nuova struttura non è una semplice e banale rinumerazione dei requisiti e dei capitoli, una semplice revisione contenutistica, ma un vero e proprio salto culturale: strutturalmente e concettualmente l’approccio ai sistemi di gestione assume una nuova forma e connotazione. Il presente corso, attraverso esempi e casi pratici, ha l’obiettivo di permettere ai partecipanti di comprendere la struttura e i requisiti dello stato attuale dei due standard e di acquisire la conoscenza e la competenze per l’applicazione della analisi dei rischi allo standard ISO 9001:2015.

DESTINATARI

Questo corso si rivolge pertanto ad auditor e professionisti al fine di analizzare con metodo e puntualità tutti i cambiamenti in atto dal punto di vista logico ed effettivo, con approccio pratico e animato dalla regola del “buon senso”.

Il corso è certificato dall’organismo di parte terza indipendente per la certificazione delle competenze RICEC secondo la norma ISO/IEC 17024.

Al superamento del test di verifica verrà rilasciato un certificato di competenza che vale come attestazione certificata di aggiornamento professionale continuo, viceversa, per chi non supererà il test, sarà rilasciato esclusivamente un attestato di frequenza che vale unicamente come aggiornamento personale curricolare.

pdf_tuvintercert Scarica la scheda Modulo ISO 9001

 

pdf_tuvintercert Scarica la scheda Modulo ISO 14001

 

0 Continue Reading →

AUTOMOTIVE: IATF 16949:2016 sostituisce ISO/TS 16949:2009

AUTOMOTIVE: IATF 16949:2016 sostituisce ISO/TS 16949:2009

Dal 1 ottobre 2016 è pubblica l’edizione italiana 2016 della IATF 16949, la Specifica Tecnica per i sistemi di gestione qualità applicati nell’intera filiera Automotive, che sostituisce la ISO/TS 16949:2009.

Questa nuova norma internazionale illustrerà i requisiti del sistema di gestione della qualità per le organizzazioni che lavorano nella produzione automotive, servizio e / o parti accessorie del settore automobilistico.

Come evidenziato dalla IATF, l’obiettivo di questo nuovo standard internazionale è lo sviluppo di un sistema di gestione per la qualità che:

  • Favorisca il miglioramento continuo e il riconoscimento delle azioni preventive da intraprendere
  • Includa i requisiti e strumenti specifici dell’industria automobilistica
  • Favorisca la riduzione di variazioni e sprechi nella catena di fornitura

In base alle regole “IATF TRANSITION STRATEGY ISO/TS 16949 › IATF 16949  rev.1” le Organizzazioni già certificate dovranno effettuare la transizione -3 mesi prima del termine, pena la sospensione o il ritiro della Certificazione.

Principali modifiche rispetto alla precedente edizione ISO/TS sono:

  • Nuovo nome della norma IATF 16949:2016
  • Recepisce la struttura ad alto livello (10 capitoli) che dal 2012 è caratteristica comune di tutte le norme ISO per sistemi di gestione (ISO 22301, ISO 9001, ISO 14001, ISO 27000
  • Non riporta al proprio interno il testo dei requisiti della ISO 9001:2015
  • Recepimento di tutti i requisiti della ISO 9001:2015
  • Introduzione dei requisiti per la sicurezza del prodotto e dei processi documentati di loro gestione
  • Estensione e chiarezza dei requisiti di rintracciabilità dei prodotti, con attenzione a requisiti prescrittivi di regolamenti / leggi / direttive
  • Requisiti specifici per prodotti che contengono software (embedded)
  • Gestione dei resi, processo No Trouble Found, uso della Guida Automotive specifica
  • Requisiti di gestione per i subfornitori
  • Requisiti di responsabilità sociale di impresa (anticorruzione, business continuity, salute e sicurezza lavoratori, codice etico)

Approfondimenti:

http://www.iatfglobaloversight.org/content.aspx?page=IATF%20ISO/TS%2016949%20Revision%20Workgroup%20News

Per conoscere meglio tutte le novità della nuova norma IATF 16949 >> Automotive: novità normative 2016 (9 novembre | Budrio BO)

Per ulteriori dettagli potete contattare i ns. uffici.

t. 0522 409611 | info@tuvintercert.it 

0 Continue Reading →

Sistemi di gestione dell’energia: UNI ISO 50003 e UNI ISO 50015 in italiano

Sistemi di gestione dell’energia: UNI ISO 50003 e UNI ISO 50015 in italiano

Il 18 ottobre 2016 sono state pubblicate dalla Commissione Tecnica CTI in lingua italiana le norme:

  • UNI ISO 50003 “Sistemi di gestione dell’energia – Requisiti per organismi che forniscono audit e certificazione dei sistemi di gestione dell’energia” che definisce i requisiti di competenza, congruenza ed imparzialità degli Organismi di Certificazione nelle attività di audit e certificazione dei Sistemi di Gestione dell’Energia (EnMS).
  • UNI ISO 50015 “Sistemi di gestione dell’energia – Misura e verifica della prestazione energetica delle organizzazioni – Principi generali e linee guida” che definisce i principi generali e le linee guida per il processo di misura e verifica (M&V) della prestazione energetica di una organizzazione o di una sua componente.

Le norme si occupano dei requisiti per organismi che forniscono audit e certificazione dei sistemi di gestione dell’energia (la prima); dei principi generali e linee guida relativi alla misura e verifica della prestazione energetica delle organizzazioni (la seconda).

La norma UNI ISO 50003 definisce i requisiti di competenza, congruenza e imparzialità nelle attività di audit e certificazione dei sistemi di gestione dell’energia (EnMS) per gli organismi che forniscono tali servizi. Al fine di assicurare l’efficacia dell’audit di un sistema di gestione dell’energia, la norma definisce il processo di audit, i requisiti di competenza per il personale coinvolto nel processo di certificazione dell’EnMS, la durata dell’audit e il campionamento dei multisito. Essa va utilizzata congiuntamente alla ISO/IEC 17021:2011 i cui requisiti si applicano anche alla UNI ISO 50003.

La norma UNI ISO 50015 definisce i principi generali e le linee guida per il processo di misura e verifica (M&V) della prestazione energetica di una organizzazione o di una sua componente. La presente norma può essere utilizzata indipendentemente o in combinazione con altre norme o protocolli e può essere applicata a tutte le forme di energia.

Fonte: http://www.uni.com/index.php?option=com_content&view=article&id=5451:sistemi-di-gestione-dell-energia-uni-iso-50003-e-uni-iso-50015-pubblicate-in-italiano&catid=170&Itemid=2612

Vedi anche:

Sistema di Gestione dell’Energia – ISO 50001

Per ulteriori dettagli potete contattare i ns. uffici.

t. 0522 409611 | info@tuvintercert.it 

0 Continue Reading →