Skip to Content

Blog Archives

Ultime novità del Piano Nazionale Industria 4.0

Il Piano Nazionale Industria 4.0, le cui agevolazioni sono state approvate con la Legge di Bilancio 2017, prevede una serie di incentivi fiscali per le imprese che investono in tecnologia e digitalizzazione.

Un passo importante verso l’attuazione del Piano è rappresentato dalla Circolare n. 4/E, pubblicata il 30 marzo dall’Agenzia delle Entrate e redatta congiuntamente con il Ministero dello Sviluppo economico, con cui vengono fornite indicazioni operative sull’utilizzo del super ammortamento e dell’iper ammortamento.

Super Ammortamento e Iper Ammortamento: cosa sono?

SUPER AMMORTAMENTOIPER AMMORTAMENTO
Deduzione extracontabile del 40% per gli investimenti in beni strumentali nuovi, impianti e macchinari, prorogato con la Legge di Bilancio 2017 sugli acquisti di tali beni avvenuti entro il 31 dicembre 2017 e consegnati entro il 30 giugno 2018, che porta al 140% il valore della deduzione, riducendo la base imponibile su cui vengono calcolate le imposte.

La disciplina del super ammortamento riguarda tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa e di lavoro autonomo, eccetto i contribuenti titolari di partita Iva in regime forfettario (ammessi al contrario i titolari di p.Iva in regime dei minimi).

Maggiorazione del 150% del costo dei beni strumentali acquistati, entro il 31 dicembre 2017 e consegnati entro il 30 giugno 2018, per trasformare l’impresa in chiave tecnologica e digitale 4.0.

Maggiorazione del 40% sul costo di acquisto di beni strumentali immateriali (alcuni software, sistemi IT e attività di system integration) per i soggetti che beneficiano dell’iper ammortamento. Entrambe introdotte con la Legge di Bilancio 2017.

La maggiorazione del 150% si rivolge ai soggetti titolari di reddito d’impresa.

Per quanto riguarda l’iper ammortamento, la circolare ha ribadito che presupposto imprescindibile per accedere alla maggiorazione del 150% del costo ammortizzabile è che il bene risulti interconnesso, ovvero rientri in una delle seguenti categorie:

  • sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità;
  • dispositivi per l’interazione uomo-macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro in logica «4.0»;
  • beni immateriali (software, sistemi e/o system integration, piattaforme e applicazioni).

Nella Circolare n. 4/E, inoltre, vengono evidenziate le indicazioni per la redazione della Perizia Tecnica Giurata e dell’Attestato di Conformità per l’ottenimento del regime agevolativo da parte delle Imprese.

Pertanto, per poter usufruire dei benefici dell’iper ammortamento e della maggiorazione relativa ai beni immateriali, è necessario che il soddisfacimento dei requisiti di legge siano attestati:

  • per i beni dal costo unitario di acquisizione superiore a € 500.000, da una Perizia Tecnica Giurata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale iscritti nei rispettivi albi professionali ovvero da un Attestato di Conformità rilasciato da un Ente di Certificazione accreditato”. Gli ingegneri e i periti devono essere “terzi” rispetto ai produttori e/o fornitori dei beni strumentali, servizi/beni immateriali oggetto della perizia; inoltre, oggetto della perizia/attestazione può essere anche una pluralità di beni agevolati;
  • “per i beni dal costo unitario di acquisizione inferiore o uguale a € 500.000, da una dichiarazione resa dal Legale Rappresentante (tale dichiarazione può anche essere sostituita dalla perizia tecnica giurata o dall’attestato di conformità di cui al punto precedente).

Inoltre, è opportuno che la perizia/attestazione di conformità sia accompagnata da un’Analisi Tecnica. Quest’ultima deve essere redatta, dal professionista o dall’Ente di Certificazione, in modo da tutelare la proprietà intellettuale e la riservatezza dell’utilizzatore del bene, nonché di terze parti coinvolte. Inoltre, dovendo essere custodita presso la sede del beneficiario dell’agevolazione, potrà essere esibita soltanto su richiesta degli organi di controllo o su mandato dell’autorità giudiziaria.

TÜV InterCert, per accompagnare le organizzazioni in questo processo di innovazione e per permettere loro di sfruttare le opportunità previste dal Piano Nazionale Industria 4.0, ha attivato una specifica unità, TÜV InterCert Industria 4.0.

 

Contattaci per maggiori informazioni:

info@tuvintercert.com – 0522 409611

2 Continue Reading →

Sicurezza IT a rischio

Per la prima volta, l’Italia è nella top ten dei paesi in cui si sono registrati, nel 2016, gli attacchi informatici più gravi. È quanto emerge dal Rapporto Clusit 2017.

I numeri forniti dal Rapporto non sono da sottovalutare: gli attacchi compiuti per finalità di Cybercrime sono in aumento del 9,8%, mentre quelli riferibili ad attività di Cyber Warfare si aggirano intorno al 117%.

La sanità è il settore più colpito con un aumento del 102%, a seguire la grande distribuzione, aumentato del 70%, e le banche con un +64%.

La causa principale di tali attacchi deve essere ricercata nell’incapacità delle vittime di fronteggiare questi pericoli.  Spesso, infatti, le organizzazione colpite impiegano anni prima di accorgersi che informazioni private e il database aziendale sono stati compromessi.

Quella fotografata dal Rapporto, inoltre, sembra essere una situazione destinata a peggiorare con l’avvento dell’Internet of Things (IoT). Infatti, l’introduzione dello smart working o di tecnologie come il Cloud, ha maggiormente esposto le aziende ai cyber attacchi, sgretolando vecchi confini aziendali. E tenendo conto che l’IoT porterà entro il 2020 oltre 50 miliardi di dispositivi connessi,  ciò non farà altro che allargare a dismisura l’area da dover proteggere.

A ciò si aggiunge la mancanza di leggi che obbligano i produttori a garantire la sicurezza dei dispositivi venduti. Il loro obiettivo è, infatti, quello di vendere al minor prezzo per acquisire maggiori quote di mercato e non prestano particolare attenzione agli aspetti legati alla security.

Per sopperire alla mancanza di una normativa in grado di gestire efficacemente i rischi derivanti da un crimine informatico e di offrire, dunque,  una maggiore tutela alle azienda, il Comitato interministeriale ha dato il via al programma nazionale di cyber sicurezza. ll nuovo provvedimento, recependo la Direttiva UE Nis – Network and Information Security, andrà a rafforzare il ruolo del Cisr che emanerà direttive con l’obiettivo di innalzare il livello della sicurezza informatica del Paese.

TÜV InterCert offre diverse tipologie di attività a servizio delle aziende e dei professionisti che intendono difendersi dagli attacchi informatici e tutelare le proprie banche dati.

– Formazione specifica sulle tematiche IT

– Certificazioni di sistema secondo le norme: ISO/IEC 27005, ISO/IEC 27001, ISO/IEC 20000

– Certificazione Data Center

– Certificazione ePrivacy

Per prendere visione di tutti i servizi in ambito IT, clicca qui

Contattaci per maggiori informazioni:

info@tuvintercert.com – 0522 409611

2 Continue Reading →

Piano nazionale Industria 4.0

Il 7 febbraio 2017 è stata pubblicata, sul sito del Mistero dello Sviluppo Economico (Mise), la Guida al Piano Nazionale Industria 4.0, che presenta gli strumenti attuativi e gli approfondimenti tecnici volti a chiarire i dubbi relativi, in particolare, a super e iperammortamento.

Le principali novità introdotte dal Piano:

  • INCENTIVARE LE IMPRESE CHE INVESTONO IN TECNOLOGIE E BENI NUOVI, prevedendo un incremento dell’aliquota dal 140% (superammortamento) al 250% (iperammortamento);
  • AUMENTARE LA SPESA PRIVATA IN RICERCA&SVILUPPO, con il credito d’imposta pari al 50% sulle spese incrementali in Ricerca e Sviluppo;
  • ACCELERARE L’INNOVAZIONE, prevedendo detrazioni fiscali al 30% per investimenti fino a 1 milione di euro in Pmi innovative o Startup.

 

Il Piano punta anche allo sviluppo di nuove competenze e alla formazione attraverso:

  • scuola digitale e alternanza scuola-lavoro;
  • percorsi Universitari e Istituti Tecnici Superiori dedicati;
  • potenziamento dei Cluster e dei dottorati;
  • creazione Competence Center e Digital Innovation Hub.

 

Nella giuda è presente, inoltre, la sezione “Competitività”, che rappresenta un vademecum su misure introdotte, rafforzate o corrette nell’ultima Legge di bilancio su:

  • accesso al credito;
  • situazione patrimoniale delle imprese italiane;
  • riduzione della pressione fiscale;
  • scambio salario-produttività.

 

TÜV InterCert offre il servizio di perizia tecnica giurata, in conformità a quanto previsto all’art.1, comma 11 della Legge 11 dicembre 2016, n. 232 “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2017 e bilancio pluriennale per il triennio 2017-2019”.

 

0 Continue Reading →