ISPEZIONI TERMOGRAFICHE – IMPIANTI ELETTRICI

TUV InterCert Ispezioni termografiche

Le verifiche condotte mediante termocamera rappresentano uno strumento affidabile e non invasivo per effettuare dei controlli a infrarossi non distruttivi sugli impianti elettrici. Le ispezioni termografiche, infatti, consentono di rilevare la distribuzione della temperatura degli impianti elettrici in funzione e a pieno carico, misurando a distanza la quantità di calore emesso dall’impianto.
Ciò permette di realizzare un’efficiente e mirata manutenzione preventiva, predittiva e correttiva su quadri elettrici, cabine elettriche in media tensione e sottostazioni ad alta tensione (132kV).

Un’ispezione termografica permette di:

  • mantenere sotto controllo il degrado dei materiali, il serraggio alle morsettiere e l’ossidazione dei contatti;
  • rilevare gli squilibri di corrente, le sovratemperature pericolose, le perdite energetiche e altre anomalie invisibili a occhio nudo;
  • prevenire anomalie di funzionamento dell’impianto e delle apparecchiature, arresti di produzione e messe fuori servizio indesiderate per guasti.

Le indagini termografiche consentono, quindi, di abbattere alcune delle più frequenti cause di perdita di produzione e di profitto, incremento dei costi e insoddisfazione del cliente.
Secondo NFPA (National Fire Protection Association), la termografia a infrarossi condotta sugli impianti elettrici in tensione, in funzionamento normale, senza interruzioni, è la miglior tecnica di prevenzione di incendi di origine elettrica. Per questo, le aziende possono anche negoziare sconti sulle polizze incendio.

L’art. 80, comma 1, del D.Lgs. 81/2008 specifica che: “Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché i materiali, le apparecchiature e gli impianti elettrici messi a disposizione dei lavoratori siano progettati, costruiti, installati, utilizzati e manutenuti in modo da salvaguardare i lavoratori da tutti i rischi di natura elettrica ed in particolare quelli derivanti da:

a) contatti elettrici diretti

b) contatti elettrici indiretti;

c) innesco e propagazione di incendi e di ustioni dovuti a sovratemperature pericolose, archi elettrici e radiazioni;

d) innesco di esplosioni;

e) fulminazione diretta ed indiretta;

f) sovratensioni;

g) altre condizioni di guasto ragionevolmente prevedibili.

TÜV InterCert eroga il servizio d’indagine termografica su impianti elettrici con personale abilitato e certificato II livello nel settore elettrico UNI EN ISO 9712:2012 – Prove non distruttive – Qualificazione e certificazione del personale addetto alle prove non distruttive. Tale norma stabilisce i requisiti per la qualificazione degli esperti incaricati di effettuare prove non distruttive in campo industriale.

ISPEZIONI TERMOGRAFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI – FASI DI VERIFICA


1) Verifica on-site dell’impianto elettrico:
  • ispezione delle morsettiere degli interruttori e dei quadri, quindi apertura dei pannelli frontali o posteriori dei quadri in normale funzionamento in tensione;
  • esame a vista dell’impianto;
  • misure strumentali della temperature e radiazione infrarossa ai trasformatori MT/BT e ai quadri elettrici di potenza (morsettiere, barre, terminali cavi, interruttori, teleruttori, sezionatori etc), sugli impianti in normale funzionamento e senza togliere la tensione.
  • acquisizione delle immagini termografiche e nel visibile, con particolare attenzione ai punti in cui si rileva anomalia termica.

Naturalmente, è richiesta da parte del committente adeguata assistenza attraverso la presenza di un manutentore durante l’attività di verifica, per l’apertura e chiusura dei quadri, pannelli, coprimorsetti, protezioni in plexiglass.

2) Verifica della documentazione tecnica 

Identificazione delle direttive di prodotto e delle normative tecniche applicabili; verifica della documentazione (documentazione tecnica, manuale d’uso, schemi elettrici, ecc.); redazione dell’analisi dei rischi / gap analysis; condivisione dei suoi contenuti.

3) Relazione finale

Elaborazione delle immagini acquisite e redazione del report dell’ispezione condotta.