Asset Management – ISO 55000

asset banner

La norma ISO 55000, sviluppata sulla base dello standard britannico PAS 55 nel campo della gestione patrimoniale (Asset management), stabilisce una panoramica generale sulla gestione patrimoniale, definendone i principi e la terminologia: a corredo di tale norma la ISO 55001 definisce i requisiti di un Sistema di Gestione del Patrimonio, mentre la ISO 55002 fornisce un’utile guida all’applicazione della ISO 55001.

Obiettivo del complesso normativo è aiutare a impiegare al meglio le risorse di una azienda, a proteggere un bene e a creare valore da una attività, laddove “bene” è da intendersi come qualche cosa che ha un valore potenziale o reale per un’organizzazione, e può essere qualsiasi cosa, da un elemento tangibile e materiale (per esempio una rotaia, un treno, un vagone) a un elemento immateriale, come la reputazione o l’immagine di una organizzazione.

Ogni bene può portare valore a un’organizzazione e per ottimizzare tale valore la gestione deve essere efficace.

Sebbene estremamente diversificati i beni di un organizzazione, i principi di base per prendersene cura sono i medesimi con azioni differenti, seppur mirate ad evitare la degradazione del valore potenziale del bene: necessario valutare i rischi associati a un’attività, quindi pianificare una strategia a lungo termine per definire come raggiungere un obiettivo di gestione del bene e come realizzarlo con le risorse disponibili.

Per dimensionare correttamente il piano strategico di gestione occorre approfondire la conoscenza della vita di un bene, tenendo conto del suo ciclo di vita, per essere maggiormente consapevoli di tutti gli elementi che hanno o che possono creare del valore nella nostra organizzazione.

Il vantaggio principale è ovviamente quello di poter realizzare del valore (sia esso valore organizzativo, qualitativo, produttivo, valore del livello di servizio o valore tecnico) mediante una migliore conoscenza del patrimonio, oppure puntando al miglioramento del rapporto con gli stakeholders, in quanto per valore di un bene non è da intendersi la mera quantificazione monetaria, bensì l’apprezzamento di soggetti esterni all’organizzazione.

In sintesi, la ISO 55000 sostiene che l’Asset Management debba creare valore in tutte le sue sfaccettature: organizzativo, qualitativo, produttivo, di livello di servizio, tecnico ecc.

L’Asset Management deve essere strutturato in un flusso che parte dalla policy aziendale e arriva alle azioni passando per le strategie, praticamente dall’alto verso il basso.

L’Asset Management deve pertanto:

  • essere compatibile con le strategie aziendali;
  • essere integrato con i processi aziendali;
  • provvedere alle risorse per implementare un sistema di miglioramento continuo;
  • assicurare che il sistema raggiunga gli obiettivi attesi;
  • assicurare l’allineamento tra piano strategico aziendale e gli obiettivi.

In tal senso la norma è rivolta a ciascuna tipologia di organizzazioni, pubblica o privata, interessata ad una buona gestione patrimoniale.

Grazie alla certificazione del sistema di Asset management da parte di un Organismo indipendente di parte terza quale è il TÜV InterCert – Group of  TÜV Saarland l’azienda dà credibilità degli impegni assunti con i propri clienti e le parti interessate.