ENERGIA & ASSET


Lo sviluppo economico dipende dalla disponibilità di fonti di energia: di conseguenza, è necessario che la disponibilità di risorse energetiche sicure e affidabili e la globalizzazione vadano di pari passo.

La domanda energetica è cresciuta in modo esponenziale anche a causa della rapida espansione delle nuove economie globali. Governi e imprese investono nello sviluppo di nuove infrastrutture per produrre energia con sistemi alternativi e a costi inferiori: dall’elettricità all’energia idroelettrica e a quella solare, nuove e più valide fonti energetiche stanno facendo il loro ingresso sul mercato.

In questo panorama, TÜV InterCert – Group of TÜV Saarland offre una gamma completa di servizi e soluzioni tecniche nell’ambito delle energie tradizionali e di quelle rinnovabili: dall’ottimizzazione dei processi delle centrali elettriche all’assistenza tecnico-normativa per la gestione dell’energia, fino al supporto per garantire il massimo rendimento degli investimenti attraverso simulazioni realistiche: l’ente copre tutti gli ambiti legati alla produzione energetica.

I tecnici dell’ente hanno il compito di assicurare che attrezzature, infrastrutture e processi siano ottimizzati e in linea con gli standard internazionali, con l’obiettivo di garantire massima qualità e sicurezza e dare così più energia al futuro.

Sistema di Gestione dell’Energia – ISO 50001

Lo standard ISO 50001:2011 specifica i requisiti per stabilire, implementare, mantenere e migliorare un Sistema di Gestione dell’Energia, con lo scopo di permettere all’organizzazione di ottenere continui miglioramenti per quanto riguarda le performance energetiche, inclusa l’efficienza energetica.

La Norma può essere applicata da ogni organizzazione che vuole garantire la sua conformità con la propria politica energetica. Vai alla pagina

Asset Management – ISO 55000

La norma ISO 55000, sviluppata sulla base dello standard britannico PAS 55 nel campo della gestione patrimoniale (Asset management), stabilisce una panoramica generale sulla gestione patrimoniale, definendone i principi e la terminologia: a corredo di tale norma la ISO 55001 definisce i requisiti di un Sistema di Gestione del patrimonio, mentre la ISO 55002 fornisce un’utile guida all’applicazione della ISO 55001.

L’obiettivo del complesso normativo è aiutare a impiegare al meglio le risorse di un’azienda, a proteggere un bene e a creare valore da una attività, laddove “bene” è da intendersi come qualche cosa che ha un valore potenziale o reale per un’organizzazione, e può essere qualsiasi cosa, da un elemento tangibile e materiale (per esempio una rotaia, un treno, un vagone) a un elemento immateriale, come la sua immagine e reputazione.

Ogni bene può portare valore a un’organizzazione e per ottimizzare tale valore la gestione deve essere efficace.

Sebbene estremamente diversificati i beni di un organizzazione, i principi di base per prendersene cura sono i medesimi con azioni differenti, seppur mirate a evitare la degradazione del valore potenziale del bene: necessario valutare i rischi associati a un’attività, quindi pianificare una strategia a lungo termine per definire come raggiungere un obiettivo di gestione del bene e come realizzarlo con le risorse disponibili. Vai alla pagina

Diagnosi Energetica

Con il D.Lgs. 102 del 4 Luglio 2014, l’Italia ha recepito la Direttiva 2012/27/UE sull’Efficienza Energetica: obiettivo nazionale di risparmio energetico è la riduzione entro il 2020 di 20 milioni di Tonnellate Equivalenti di Petrolio (TEP) dei consumi di energia primaria.

Tra i punti focali del Decreto compare, per le organizzazioni, l’obbligo di svolgere Diagnosi Energetiche e l’incoraggiamento nell’adozione di Sistemi di Gestione dell’Energia secondo la norma ISO 50001.

L’Assessment | DIAGNOSI ENERGETICA di TÜV InterCert è un servizio modulare volontario strutturato a fasi che nasce per fornire alle organizzazioni la valutazione della conformità a quanto prescritto dal D.Lgs. 102/14, un’analisi energetica della struttura, un’analisi dei possibili interventi di efficientamento e di miglioramento e un piano degli investimenti. Vai alla pagina