Sicurezza funzionale | SIL

computer-inside-725x544

Il rapido sviluppo dell’automazione e dell’intelligenza distribuita ha portato a un esponenziale incremento di macchinari, impianti, dispositivi e di prodotti in genere con sistemi di comando e controllo elettronici o elettronici programmabili, a cui sono affidate funzioni di sicurezza.

Quando la funzionalità di un elemento all’interno di un sistema può pregiudicarne la sicurezza deve esserne garantita la sicurezza funzionale, oltre quella primaria. I temi trattati dalla norma IEC/EN 61508 e dalle norme da essa derivate (ISO 13849-1, ISO 16232, IEC 62061, IEC 61800-5-2, IEC 61496, EN 50495, ecc.), costituiscono lo stato dell’arte e il riferimento normativo per la progettazione e la gestione dei sistemi di sicurezza negli impianti, con particolare attenzione ai sistemi elettrici, elettronici ed elettronici programmabili. Essi trovano largo impiego in svariati settori industriali, tra cui il chimico, il petrolchimico, la raffinazione, il nucleare, i trasporti, l’elettromedicale, l’automazione industriale e l’automotive.

FUNCTIONAL SAFETY MANAGEMENT di TÜV InterCert è un servizio modulare volontario strutturato a fasi che nasce per supportare i costruttori che, nel progettare hardware e software sicuri, devono adottare tecniche specifiche, come ridondanza, diversità e test diagnostici interni, con l’obiettivo di aumentare la robustezza del prodotto rispetto a errori casuali o sistematici.

INITIAL ASSESSMENT

Verifica on-site del sistema; caratterizzazione del sistema; identificazione dei pericoli; analisi delle specifiche dei requisiti di sicurezza da soddisfare; verifica della documentazione tecnica (data sheet componenti, schemi elettrici, ecc.).

RISK ASSESSMENT 

Identificazione delle normative tecniche applicabili al sistema; analisi qualitativa e quantitativa dei componenti del sistema (QFD – FMEA – FTA); analisi di affidabilità e disponibilità dei componenti del sistema; redazione della relazione di analisi dei rischi / gap analysis rispetto requisiti di sicurezza definiti; condivisione dei suoi contenuti.

FOLLOW-UP

Controllo e verifica delle eventuali modifiche apportate al sistema dal cliente; verifica delle modifiche alla documentazione tecnica.

SIL/PL EVALUATION

Verifica di sicurezza del concept design; analisi delle funzioni di sicurezza; analisi dei requisiti di sicurezza; analisi hardware/software; eventuali witness testing; valutazione del SIL/PL raggiunto; test sul software (analisi statica e test di modulo); test di integrazione hardware/software; esecuzione di eventuali prove di tipo (meccaniche e elettriche).

FINAL REPORT & SIL/PL ATTESTATION

Rilascio del rapporto di fine attività e dell’attestazione del livello SIL/PL raggiunto per ciascuna funzione di sicurezza.

ISO 13849-1: sicurezza del macchinario
IEC 62061: sicurezza del macchinario
IEC 61496: apparecchi elettrosensibili di protezione
IEC 61800-5-2: azionamenti elettrici a velocità variabile
IEC 50156: equipaggiamento elettrico per forni e apparecchiature ausiliarie
ISO 15998: sistemi di controllo macchina (MCS) che utilizzano componenti elettronici
ISO 22201: ascensori
ISO 25119: trattori e macchine per l’agricoltura
EN 15233: metodologia per la valutazione della sicurezza funzionale di sistemi di protezione autonomi
EN 13463-6: apparecchi non elettrici destinati a essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive
EN 50495: dispositivi di sicurezza
EN 50402: apparecchiature elettriche per la rilevazione e la misura di gas o vapori combustibili o tossici, o di ossigeno
US RTCA DO-178B: North American Avionics Software
US RTCA DO-254: North American Avionics Hardware
EUROCAE ED-12B: European Airborne Flight Safety Systems
EN 50126 (IEC 62278): RAMS
EN 50128 (IEC 62279): telecomunicazioni, segnalamento ed elaborazione – Software per sistemi di comando e protezione
EN 50129 (IEC 62425): sistemi elettronici di sicurezza per il segnalamento

IEC 60601-1: apparecchi elettromedicali

IEC 60730: standard di sicurezza per gli elettrodomestici