EAC | Area Euroasiatica

Unione doganale: dal GOST all’EAC per Russia, Bielorussia e Kazakistan.


La Dichiarazione di Conformità EAC e il Certificato di Conformità EAC rappresentano la novità nell’ambito delle certificazioni per l’esportazione dei prodotti verso la comunità euroasiatica, quale conseguenza della nuova riforma sui Regolamenti Tecnici applicabili nei più svariati settori.

RUSSIA

L’Italia è il secondo partner commerciale della Russia in Europa, dopo la Germania e il quarto a livello mondiale (fonte Eurostat).

La percezione del “Made in Italy” presso il pubblico russo è legata prevalentemente al settore agroalimentare, alla moda, al design e alle nostre eccellenze in altri campi – macchinari, tecnologia, beni industriali intermedi – che riguardano circa il 50% delle nostre esportazioni nella Federazione Russa.

TÜV InterCert – Group of TÜV Saarland è in grado di fornire informazioni ed assistenza per l’ottenimento della certificazione TR CU valida per la libera circolazione delle merci nell’unione doganale fra Russia, Bielorussia e Kazakistan. Altri paesi sono in procinto di aderire a questa unione.

Che cosa è la certificazione TR CU?

Il certificato TR CU indica che i prodotti importati sono conformi alle norme di qualità e sicurezza dell’unione doganale. Questa certificazione può riguardare sia una singola spedizione per partite di merce, sia una serie produttiva, o l’invio continuo nel corso di 1-3-5 anni.

  • TR CU 004/2011 “Sulla sicurezza delle apparecchiature a bassa tensione” (in vigore dal 15/2/2013);
  • TR CU 010/2011 “Sulla sicurezza delle macchine e delle attrezzature” (in vigore dal 15/2/2013);
  • TR CU 011/2011 “Sulla sicurezza degli ascensori” (in vigore dal 15/2/2013);
  • TR CU “Sulla sicurezza delle attrezzature utilizzate negli ambienti a rischio di esplosione” (in vigore dal 15/2/2013);
  • TR CU 016/2011 “Sulla sicurezza delle macchine a gas combustibile” (in vigore dal 15/2/2013);
  • TR CU 020/2011 “Compatibilità elettromagnetica dell’hardware”;
  • TR CU 032/2013 “Sicurezza delle apparecchiature a pressione“ (in vigore dal 1/2/2014).