DIRETTIVA MACCHINE

TÜV InterCert – Group of TÜV Saarland - Equipment, cables and piping as found inside of a modern industr

La Direttiva 2006/42/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 Maggio 2006 è relativa alle macchine e modifica la precedente Direttiva 95/16/CE.

La Direttiva in questione si applica ai seguenti prodotti:

  • macchine;
  • attrezzature intercambiabili;
  • componenti di sicurezza;
  • accessori di sollevamento, compresi quelli azionati a mano;
  • catene, funi e cinghie;
  • dispositivi amovibili di trasmissione meccanica;
  • quasi-macchine.

Il fabbricante è responsabile della conformità del prodotto ai requisiti essenziali di sicurezza stabiliti dalla direttiva, il cui rispetto è garantito dalla piena applicazione delle norme armonizzate. Quest’ultime, infatti, stabiliscono buone pratiche costruttive e metodi di prova e valutazione.

Il fabbricante può applicare il marchio CE alla macchina dopo aver predisposto un fascicolo tecnico, effettuato un’adeguata analisi dei rischi e redatto la Dichiarazione UE di Conformità, la quale deve accompagnare ogni esemplare venduto.

Esistono, inoltre, alcune categorie di macchine, elencate nell’allegato IV della Direttiva, per le quali la conformità deve essere stabilita da un Organismo Notificato, ovvero in possesso di un certificato di accreditamento secondo la norma ISO/IEC 17065 e successiva autorizzazione ministeriale, che interviene come terza parte nella valutazione del rispetto dei requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute stabiliti nell’allegato I della Direttiva.

TÜV InterCert – Group of TÜV Saarland è Organismo Notificato n. 2616 ed è in grado di effettuare verifiche di conformità e prove di laboratorio per determinare la piena rispondenza ai requisiti essenziali di sicurezza stabiliti dalla direttiva e finalizzati al rilascio della Certificazione CE.