Skip to Content

Category Archives: Company

9 luglio | Galatina (LE) – Il benessere animale nelle stazioni di servizio rurale: le nuove opportunità

Locandina Immagine DefProgramma:

18:00 | Accoglienza e saluti istituzionali, dott. Raffaele Carrabba (Presidente Regionale Puglia CIA)

18:15 | Il protocollo di intesa Enci – CIA per le fattorie cinofile e il benessere animale, sig. Giulio Sparascio (Presidente Nazionale Turismo Verde – CIA)

18:35 | La ricettività turistica attuale in Puglia e le possibilità di adeguamento delle stesse alla norma tecnica UNI 11550 sul benessere animale, dott.ssa Paola Puzzovio (Presidente Salento Itinerante – Socio fondatore Imprese di Puglia)

18:55 | I benefici economici legati alla certificazione delle strutture, dott.ssa Paola Bruno (Commercialista e revisore contabile, specializzata sui processi amministrativi e contabili del Terzo Settore e delle ASD)

19:15 | Ipotesi di disciplinare di certificazione volontario sullo standard UNI 11550, dott. Dario Calcagni (Operational Manager TÜV InterCert Srl – Group of TÜV Saarland)

Modera: dott.ssa Emanuela Murrone (Responsabile del comitato scientifico per il progetto “Fattoria Cinofila”)

Sede:

Hotel Hermitage – SP 362 km 18 – Galatina (LE)

Info e iscrizioni:

CIA Lecce – 0832 443411 / giuliosparascio@virgilio.it / info@iqscert.it

 

0 Continue Reading →

Marcatura CE – Pubblicata la nuova versione della Guida Blu (aprile 2016)

È stata pubblicata in inglese la nuova versione aggiornata della Guida Blu – “Guide to the implementation of directives based on the New Approach and the Global Approach”.
Edita per la prima volta nel 2000, il suo scopo era facilitare la comprensione delle regole comunitarie per la marcatura CE dei prodotti e la loro successiva immissione sul mercato, promuovendo quindi la tutela della salute e della sicurezza di consumatori e ambiente.
L’attuale versione aprile 2016 è stata redatta in stretta collaborazione con le autorità nazionali e le parti interessate. Tra le novità proposte si segnalano, ad esempio:
– nuovi capitoli riguardanti gli obblighi degli operatori economici e di accreditamento;
– la revisione di capitoli già esistenti, come quelli inerenti alla standardizzazione e alla sorveglianza del mercato.
Secondo le fonti ufficiali della Commissione Europea, a breve sarà disponibile anche la versione in italiano.

TÜV InterCert svolge verifiche di conformità e prove di laboratorio per determinare la piena rispondenza dei prodotti ai requisiti essenziali stabiliti dalle Direttive Europee, per supportare il fabbricante nel complesso iter di marcatura CE.

Link ufficiali:
News sulla nuova versione della Guida Blu – sito Unione Europea
Scarica la Guida Blu – sito Commissione Europea
Guida Blu EN (PDF)
Certificazione di prodotto – Direttive Europee

0 Continue Reading →

Dichiarazione UE di conformità – Direttiva ATEX 2014/34/UE 2014/34/CE

Con l’entrata in vigore il 20 aprile 2016 della nuova Direttiva ATEX 2014/34/UE, i fabbricanti in possesso di un Certificato di deposito del Fascicolo Tecnico in corso di validità, emesso a fronte della precedente Direttiva ATEX  94/9/CE, sono tenuti a produrre una Dichiarazione UE di conformità ai sensi della nuova Direttiva.
In caso di esito positivo della valutazione del prodotto, non sarà necessario né revisionare il fascicolo tecnico né richiedere aggiornamento del Certificato ottenuto.

Ciò dal momento che i riferimenti alla Direttiva 94/9/CE si intendono fatti alla nuova Direttiva ATEX 2014/34/UE secondo la tabella di concordanza di cui all’allegato XII, come previsto dall’art. 41 e dall’art. 43 della stessa.


La nuova Direttiva ATEX 2014/34/UE regolamenta la costruzione di attrezzature destinate all’impiego in aree con atmosfere potenzialmente esplosive e si manifesta con l’obbligo di certificazione di questi prodotti. Essa impone la certificazione a tutti i prodotti commercializzati nell’Unione stessa, indipendentemente dal luogo di produzione e dalle normative in esso in vigore, se installati in luoghi a rischio di esplosione. A tale fine è necessario che il costruttore effettui la valutazione dei rischi dei propri prodotti e ne costituisca il fascicolo tecnico di costruzione.

I servizi offerti da TÜV InterCertOrganismo Notificato nr. 2616:
  • rilascio del Certificato CE ai fabbricanti di attrezzature, sistemi di protezione e componenti;
  • corsi di formazione sulla nuova Direttiva ATEX.

 

Per maggiori dettagli, scarica la scheda servizio ATEX.

 

0 Continue Reading →

ISO 14120:2015 armonizzata per la Direttiva Macchine 2006/42/CE

ripari (3)

È stata armonizzata per la Direttiva Macchine 2006/42/CE la norma relativa ai ripari UNI EN ISO 14120:2015 – Sicurezza del macchinario – Ripari – Requisiti generali per la progettazione e la costruzione di ripari fissi e mobili, con pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il 13.05.2016.

La norma sostituisce la EN 953:1997+A1:2009 – Safety of machinery. Guards. General requirements for the design and construction of fixed and movable guards, la quale sarà definitivamente ritirata il 31/05/2016.

TÜV InterCert svolge attività di verifica di conformità e prove di laboratorio per determinare la piena rispondenza di ripari fissi e mobili ai requisiti stabiliti dalla nuova norma armonizzata, per supportare i fabbricanti nel complesso iter di Marcatura CE dei loro prodotti.


 TÜV InterCert Academy propone

Per coloro che vogliano acquisire le conoscenze necessarie per la progettazione, la realizzazione e l’installazione di ripari fissi, mobili e dispositivi di protezione, TÜV InterCert  propone il corso di formazione “La progettazione dei ripari delle macchine secondo le norme UNI EN ISO 14119 e UNI EN ISO 14120“.
Durante il corso saranno prese in considerazione anche la Direttiva Macchine 2006/42/CE e la nuova UNI EN ISO 13849-1.

Destinatari: Progettisti, costruttori di macchine, personale tecnico, RSPP e addetti alla sicurezza.
Prossima data: 22 settembre 2016.
Iscrizione: vai al modulo

 

Vedi anche:

Dispositivi di protezione – ISO 14120 & ISO 14119

Gazzetta Ufficiale UE del 13.05.2016 – Elenco norme armonizzate

Elenco completo norme armonizzate

Corso di formazione – La nuova EN ISO 13849-1:2015. I circuiti di comando aventi funzioni di sicurezza

Corso SME – Safety Machinery Expert

Corso – La Direttiva Macchine 2006/42/CE

0 Continue Reading →

UNI ISO 14004: pubblicata la guida sulla gestione ambientale


Dopo la pubblicazione, nel settembre 2015, della nuova ISO 14001, che ha ripensato il sistema di gestione ambientale per rispondere in maniera ancora più efficace al problema dei cambiamenti climatici e dell’impatto delle attività sul territorio, è stata ora pubblicata  la nuova versione della UNI EN ISO 14004, “Sistemi di gestione ambientale – Linee guida generali per l’implementazione”, una guida per aiutare le organizzazioni a ottimizzare il proprio sistema di gestione ambientale.

La nuova UNI EN ISO 14004 è uno strumento che contiene esempi, descrizioni e indicazioni per attuare in maniera proficua un sistema di gestione ambientale, integrandolo e coordinandolo con altri sistemi di gestione già presenti all’interno di un’organizzazione.
L’approccio sistematico al problema ambientale, infatti, permette di misurare e gestire i fattori ambientali, in modo da apportare benefici non solo all’organizzazione stessa, ma anche ai principali stakeholder e alla società in generale.
I principali argomenti approfonditi all’interno del documento riguardano:

  • i metodi di protezione dell’ambiente;
  • il monitoraggio delle prestazioni ambientali;
  • la prospettiva del ciclo di vita;
  • l’esercizio della leadership;
  • la gestione ambientale strategica.

La guida è applicabile a qualunque organizzazione a prescindere dalle sue dimensioni, dalla tipologia e dalla localizzazione sul territorio e può essere utilizzata o singolarmente o congiuntamente alla ISO 14001.

 

Fonte: Audit in Italy


Vedi anche

Sistema di Gestione Ambientale – ISO 14001
Scheda Assessment | ISO 14001:2015
Corso di formazione “La nuova norma ISO 14001:2015: novità e implementazione di sistema

0 Continue Reading →

DIRETTIVE EUROPEE: fine del periodo di transizione, quale scenario?

Il 20 aprile 2016 ha rappresentato il termine del periodo transitorio per l’entrata in vigore ufficiale e in via esclusiva di alcune nuove Direttive Europee, mentre altre sono prossime all’entrata Recepimento nuove direttive - riepilogoin vigore del recepimento, regolamentato in Italia dalla Circolare 21 marzo 2016 del Ministero dello Sviluppo Economico.

Riepilogando:

Nuove direttive in vigore dal 20 aprile 2016
  • DIRETTIVA 2014/29/UE relativa alla messa a disposizione sul mercato di recipienti semplici a pressione;
  • DIRETTIVA 2014/30/UE relativa alla compatibilità elettromagnetica;
  • DIRETTIVA 2014/31/UE relativa alla messa a disposizione sul mercato di strumenti per pesare a funzionamento non automatico;
  • DIRETTIVA 2014/32/UE relativa alla messa a disposizione sul mercato di strumenti di misura;
  • DIRETTIVA 2014/33/UE relativa agli ascensori e ai componenti di sicurezza per ascensori
  • DIRETTIVA 2014/34/UE relativa agli apparecchi e sistemi di protezione destinati a essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva;
  • DIRETTIVA 2014/35/UE relativa alla messa a disposizione sul mercato del materiale elettrico destinato a essere adoperato entro taluni limiti di tensione;
Nuove direttive prossime al recepimento
  • DIRETTIVA 2014/53/UE relativa agli apparecchi radio riceventi e/o trasmittenti, in vigore dal 13 giugno 2016.
  • DIRETTIVA 2014/68/UE relativa alle attrezzature a pressione, in vigore dal 19 luglio 2016.

TÜV InterCert S.r.l. è Organismo notificato per il rilascio della Certificazione CE.

Per maggiori informazioni:

t. 0522 409611

info@tuvintercert.it

www.tuvintercert.it

0 Continue Reading →

La nuova norma EN ISO 13849-1:2015 | I circuiti di comando aventi funzioni di sicurezza

Sempre più di frequente le macchine industriali sono monitorate e dirette da circuiti di comando, per di più programmabili. Dunque, è necessario che tali sistemi funzionino correttamente, non solo per garantire la qualità e lo sviluppo dell’intera filiera produttiva, ma anche per tutelare il lavoratore e l’ambiente.

A tale scopo, l’ISO ha voluto dare un importante segnale in ambito di sicurezza funzionale, attraverso la pubblicazione, avvenuta il 15 dicembre 2015, della nuova versione dello standard ISO 13849-1.
Lo standard sostituisce la precedente edizione del 2008 ed è armonizzata per la Direttiva Macchine 2006/42/CE. Esso propone misure più aggiornate nell’ambito della sicurezza e dell’affidabilità dei sistemi di comando e introduce alcuni requisiti legati alla progettazione informatica di tali circuiti.
Entrando nel merito delle modifiche più concrete:
– introduzione delle specifiche sugli output safety;
– estensione del campo di applicazione della norma a tutti i circuiti di sicurezza, sia quelli elettrici sia quelli non elettrici;
– aggiornamento dei requisiti di categoria e introduzione di nuovi a seconda delle tipologie di componenti: elettronici programmabili, meccanici, pneumatici, ecc.;
– aggiornamento dei rimandi e dei riferimenti ad altre norme di recente pubblicazione o modifica;
– aggiornamento dell’Annex C “MTTFd values for single components”;
– introduzione di nuove locuzioni, tra le quali “proven in use” o “high demand or continuous mode”;
– eliminazione della Tabella 1, nella quale sono riportati i campi di applicazione rispetto la IEC 62061; prevista la scalabilità totale della ISO 13849.


TÜV InterCert risponde alle esigenze di quanti desiderano approfondire le novità e i requisiti della nuova norma ISO 13849-1:2015 attraverso un servizio di Assessment e il corso: “La nuova norma EN ISO 13849-1:2015. I circuiti di comando aventi funzioni di sicurezza“.
Destinatari: Costruttori di macchine, progettisti, utilizzatori, system integrator.
Prossima data: 11 luglio 2016

Vai al modulo di iscrizione
Vedi anche:
Sicurezza Funzionale | SIL
Preview dello standard ISO 13849-1:2015 proposto dall’ISO
Catalogo completo dei corsi

0 Continue Reading →

Emilia Romagna: Investimenti rivolti ad imprese agroindustriali in approccio individuale e di sistema

Sul Bollettino Ufficiale dell’Emilia Romagna n.78 del 7 Aprile 2016, all’interno del PSR 2014-2020, è stata pubblicata l’operazione 4.2.01 “Investimenti rivolti ad imprese agroindustriali in approccio individuale e di sistema”.
Le risorse finanziarie allocate ammontano a 60.000.000 euro.

L’azione è rivolta alle imprese di trasformazione e/o commercializzazione di prodotti agricoli che dimostrino di operare in un contesto di filiera, definito come potenzialità di vendere/collocare le proprie produzioni, garantendo un’adeguata remunerazione per le aziende agricole che cedono la materia prima; essa si concretizza nell’erogazione di incentivi, sotto forma di contributi in conto capitale, a fronte di investimenti materiali ed immateriali.
L’intensità dell’aiuto è fissata nel 40% calcolato sul totale della spesa ammissibile: detti aiuti non sono cumulabili con nessuna altra sovvenzione a qualsiasi titolo concessa. Gli investimenti proposti, dovranno avere una dimensione finanziaria minima di 250.000 Euro e massima di 5.000.000 Euro.

banner800x220

I progetti presentati da imprese che soddisfino i requisiti verranno valutati, nello specifico, utilizzando i seguenti criteri:

– adesione volontaria dell’impresa ad un sistema comunitario di ecogestione e audit di cui al Reg. (CE) n. 1121/2001 (EMAS), riferita al sito oggetto di investimento, posseduta da almeno 4 anni alla data di presentazione della domanda ed in corso di validità;
– certificazione UNI EN ISO 14001 sistema di gestione ambientale certificato riferita al sito oggetto di investimento posseduta alla data di presentazione della domanda con obbligo di mantenimento per il periodo di vincolo;
– certificazione secondo le normative OHSAS 18001 sistema di gestione per la sicurezza e salute sui luoghi di lavoro riferita al sito oggetto di investimento;
– certificazione secondo le normative UNI EN ISO 22000/2005 sistemi di gestione della sicurezza in campo alimentare;
– certificazione UNI EN ISO 22005/2008 sistema di rintracciabilità nelle filiere agroalimentari;
– certificazione International Food standard (IFS);
– Global standard for Food safety;
– certificazione UNI EN ISO 50001 sistema di gestione dell’energia riferita al sito oggetto di investimento;
– certificazione UNI ISO/TS 14067 Carbon footprint di prodotto;
– certificazione Enviromental footprint secondo la metodologia di cui alla raccomandazione 2013/UE del 9 aprile 2013;
– modello di organizzazione 231 ai sensi del Decreto legislativo 231/2001;
– certificazioni di responsabilità sociale sA 8000;
– soggetti in possesso di “rating di legalità delle imprese”.

Le domande potranno essere presentate dal 15 aprile 2016 al 30 giugno 2016 tramite compilazione elettronica sulla piattaforma SIAG di Agrea o presso i Centri Autorizzati di Assistenza Agricola oppure . La pubblicazione delle graduatorie è prevista entro il mese di ottobre 2016.

 

Vedi anche:

Bando regionale 2016 – Approccio individuale | Regione Emilia Romagna – Area agricoltura e pesca
Testo integrale del bando (PDF)
Sistema di Gestione della Qualità – ISO 9001

0 Continue Reading →

FATA Logistic Systems S.p.A certificata ISO 14001 e BS OHSAS 18001

FATA Logistic Systems S.p.A. ha scelto TÜV InterCert per certificare il proprio sistema di gestione nel rispetto dei requisiti imposti dalle norme ISO 14001 e BS OHSAS 18001.
Fondata nel 2002, FATA Logistic Systems S.p.A. è una società del Gruppo Finmeccanica specializzata nell’attività di logistica inbound/outbound, trasporto e freight forwarding. È un’azienda in costante crescita che fa della professionalità del proprio personale il principale motore di sviluppo competitivo.
martedì 29 marzo, l’Amministratore di TÜV InterCert Srl, Andrea Vivi, ha consegnato il Certificato nelle mani di Pietro Mulatero, Amministratore delegato di Fata LS.

 

Approfondimenti:

Sistema di Gestione Ambientale – ISO 14001
Scheda servizio Assessment | ISO 14001:2015
Occupational Health and Safety – BS OHSAS 18001

0 Continue Reading →

Approvato Regolamento UE n. 425/2016 DPI

In data 31.03.2016 è stato pubblicato in GUCE il Regolamento UE n. 425/2016 sui dispositivi di protezione individuale (DPI) che abroga la direttiva 89/686/CEE a decorrere dal 21.04.2018.

Le novità più importanti riguardano l’introduzione di nuove figure coinvolte a vario titolo e con varie responsabilità nella conformità del prodotto. Oltre a fabbricante ed al mandatario sono quindi definite le figure di importatore e di distributore che assumono rilevanza ai fini della conformità dei prodotti realizzati nei paesi extra UE.

Il regolamento stabilisce inoltre sanzioni per le non conformità formali dei prodotti.

Alcune procedure di valutazione della conformità sono cambiate in quanto sono diversi i moduli previsti dal regolamento come ad esempio l’approvazione UE del tipo – tipo di produzione modulo B e la sorveglianza associata secondo il modulo C2. Altra novità importante è la dichiarazione UE di conformità che deve essere redatta secondo le disposizioni dell’allegato IX al regolamento.

Vai alla pagina del servizio

0 Continue Reading →