Skip to Content

Category Archives: Company

Approvato ISO/DIS 45001.2

ISO/DIS 45001.2 approvato con l’88% di voti favorevoli da parte dei “Membri P” e solo l’11% di voti contrario da parte del totale dei Membri votanti


Il 15 luglio sono stati diffusi dall’ISO i risultati del ballot sul DIS 2 della norma ISO 45001 “Occupational Health & Safety Management Systems – Requirements with guidance for use”.

Approvato con l’88% di voti favorevoli da parte dei “Membri P” e solo l’11% di voti contrario da parte del totale dei Membri votanti, ecco i risultati della votazione:

  P-Members voting: 53 in favour out of 60 = 88 % (requirement ≥ 66.66%)
(P-Members having abstained are not counted in this vote.)
Member bodies voting: 7 negative votes out of 64 = 11 % (requirement ≤ 25%)
Approved    

Anche l’Italia tra i Paesi che hanno espresso voto favorevole sul DIS 2 – presentando comunque dei commenti.

La fase successiva sarà la discussione dei circa 1.630 commenti pervenuti sul secondo draft, nel corso del prossimo meeting dell’ISO/PC 283, in programma dal 18 al 23 Settembre a Malacca (Malesia): in quella sede si saprà se è possibile evitare di passare dalla fase di FDIS e procedere direttamente alla pubblicazione della norma ISO 45001 o se proseguire con la fase di FDIS.

Scarica il comunicato del 5 maggio

Vai al link ufficiale

Prossimi step


  • 18-23 settembre 2017 – Meeting a Malacca (Malesia) dell’ISO/PC 283 e del WG1 per esaminare i risultati del ballot e decisione di effettuare FDIS o meno;
  • Novembre 2017 – Pubblicazione ISO 45001, se la revisione dei commenti fosse completata durante il meeting di settembre e l’ISO/PC 283 riuscisse ad evitare la fase di FDIS;
  • 1°/2° trimestre 2018 – Pubblicazione ISO 45001, se fosse necessaria la fase di FDIS.

Per maggiori approfondimenti

3 Continue Reading →

KAIZEN AWARD: ecco le aziende vincitrici

Carpigiani nella categoria “Grandi”, Interroll fra le “Pmi”, e tra gli ospedali un ex aequo: Azienda Ospedaliera – Universitaria Senese e Fondazione Poliambulanza. Queste sono le vincitrici della 1° edizione italiana dei Kaizen Award, il premio dedicato al miglioramento continuo e alle imprese vincenti capaci di metterlo in atto. I tre vincitori sono stati selezionati da una giuria di qualità composta da professionisti, imprenditori e rappresentanti del mondo Kaizen: Fabio Storchi, presidente di Comer Industries Spa, Carlo Rafele, professore del Politecnico di Torino, Barbara Ganz, giornalista del Sole24Ore, Andrea Vivi, general manager TÜV InterCert, Bruno Fabiano e Carlo Ratto founding partners di Kaizen Institute Italia.


Le dodici aziende finaliste, provenienti da tutta Italia, hanno presentato alla giuria il loro percorso di miglioramento continuo, ma la scelta non è stata facile a causa dell’elevato livello delle organizzazioni in gara. Per questo motivo sono state assegnate anche delle menzioni speciali: una  è andata ad Andrea Cosmi, vice president Operations di Emak, per la persistenza e continuità con cui da più di cinque anni porta avanti l’esperienza nel miglioramento continuo e un’altra a Fabio Storchi, presidente di Comer Industries, al quale è stato consegnato l’attestato di «Kaizen Guy», visto il suo operato di «ambasciatore» del miglioramento continuo nel mondo produttivo in generale e nella sua azienda.

Le vincitrici sono state premiate con percorsi di formazione, con la partecipazione all’incontro annuale con il fondatore di Kaizen Institute, Masaaki Imai, che consegnerà loro il premio,  oltre alla partecipazione ai Kaizen Award Global 2018 (la prima edizione a livello internazionale del premio) dove avranno l’opportunità di concorrere per un viaggio «Japan Insight Experience» in Giappone. Ma per tutte le aziende partecipanti, non solo quelle selezionate per la finale, c’è già la certificazione di azienda capace di accettare e vincere la sfida del miglioramento.

«Esprimo grande soddisfazione per la cerimonia Kaizen Award – afferma Andrea Vivi, general manager TÜV InterCert –. Entusiasmo ed energie hanno contraddistinto tutte le presentazioni e lo spirito di gruppo è emerso nella consegna degli attestati di partecipazione a tutti i 12 finalisti. Ancora una volta si è dimostrato come le persone siano al centro in tutti i percorsi di miglioramento ed in questo l’Italia non è seconda a nessuno. Dodici sono stati i finalisti ma 12 sono stati alla fine i vincitori perché la cultura del miglioramento è veramente ad alti livelli in tutti i progetti presentati. Confido che l’approccio Kaizen possa diffondersi ed essere di grande ispirazione per tutte le realtà che desiderano migliorarsi attraverso il coinvolgimento di team interfunzionali e azioni quotidiane di miglioramento sui processi aziendali».

La dimostrazione concreta del messaggio kaizen “Cambiare in meglio”: non ci sono limiti alle possibilità di migliorare.

Vai alla pagina con tutti dettagli dell’evento, cliccando qui.

2 Continue Reading →

KAIZEN AWARD: ecco le dodici aziende finaliste

Kaizen Institute (https://it.kaizen.com), in collaborazione con TÜV InterCert S.r.l., ha selezionato le dodici aziende finaliste che parteciperanno alla finale della 1° edizione italiana dei Kaizen Award. Per loro in palio, nella finale prevista martedì 11 luglio (Auditorium Biagi, nella biblioteca Salaborsa, Bologna, ore 15), percorsi di formazione al miglioramento continuo, la consegna del premio durante  l’evento annuale con il pioniere e fondatore di Kaizen Institute, Masaaki Imai, a novembre 2017 oltre alla partecipazione ai Kaizen Award Global 2018 (la prima edizione a livello internazionale del premio), dove avranno l’opportunità di vincere una «Insight Experience» in Giappone. Ma per tutte le aziende partecipanti, non solo quelle selezionate per la finale, c’è già la certificazione di azienda capace di accettare e vincere la sfida del miglioramento.

«A una settimana dalla cerimonia di premiazione sono terminate le visite conoscitive nelle aziende che hanno aderito al Kaizen Award Italia 2017. – ricorda Andrea Vivi, General Manager TÜV InterCert – Le aziende candidate hanno manifestato grande attenzione ai temi Kaizen del miglioramento continuo, presentando progetti strutturati ed innovativi: i progetti sono stati infatti caratterizzati dal forte coinvolgimento di team interfunzionali, nella logica del “bottom-up”, e per questo destinati a perseguire il miglioramento continuo dei processi aziendali coinvolti. Ardua sarà sicuramente la  decisione che ci attende l’11 luglio, giorno della premiazione, ma a prescindere dal conseguimento del premio, onore e  merito alla profusione di tanto interesse e partecipazione da parte di tutte le aziende aderenti al progetto».

A Bologna, nell’auditorium Biagi della biblioteca Salaborsa, i rappresentanti delle aziende finaliste cercheranno di convincere la giuria di qualità composta da professionisti, imprenditori e rappresentanti del mondo Kaizen.

Presidente sarà Fabio Storchi, Presidente e Amministratore Delegato di Comer Industries Spa e di Federmeccanica. In giuria con lui Carlo Rafele, professore del Politecnico di Torino, Barbara Ganz, giornalista del Sole24Ore, Andrea Vivi, General Manager TÜV InterCert, oltre a Bruno Fabiano e Carlo Ratto.

Clicca qui per scaricare la rassegna stampa.

Vai alla pagina con tutti dettagli dell’evento, cliccando qui.

2 Continue Reading →

E’ entrata in vigore la Direttiva 2014/53/UE – RED

Il 13 giugno 2017 è stato il termine ultimo per la commercializzazione dei prodotti che rientrano nell’ambito di applicazione della Direttiva relativa alla messa a disposizione sul mercato di apparecchiature radio (RED) 2014/53/UE e prodotte antecedentemente alla sua entrata in vigore il 13 Giugno 2016.

In particolare si pone l’accento sugli apparecchi di uso quotidiano come apparecchi Wi-Fi, Bluetooth, ZigBee e RadioLan per i quali è applicabile la norma armonizzata ETSI EN 300 328 V2.1.1 “Wideband transmission systems; Data transmission equipment operating in the 2,4 GHz ISM band and using wide band modulation techniques; Harmonised Standard covering the essential requirements of article 3.2 of Directive 2014/53/EU”.

Importante novità è proprio la norma ETSI EN 300 328 V2.1.1, che stabilisce limiti operativi, prestazioni e requisiti di conformità per applicazioni molto diffuse quali moduli Wi-Fi, Bluetooth per cellulari e tablet, moduli per piccole aree domestiche ZigBee e ponti radio RadioLan per la diffusione della banda larga in aree geografiche remote. Tutte queste apparecchiature utilizzano la banda a 2,4 GHz.

Con l’armonizzazione della norma è possibile applicare il Modulo A, anche per il requisito relativo all’uso efficace dello spettro radio senza obbligo di ricorrere all’Organismo notificato per il rilascio del «Certificato di esame UE del tipo».

Che cosa è cambiato rispetto alla Direttiva R&TTE? Vai alla pagina

2 Continue Reading →

Grande successo del Convegno AICQ Industria 4.0 – 30 Maggio 2017 – Roma

Grande successo del Convegno AICQ Industria 4.0, tenutosi il 30 maggio presso la Camera di Commercio di Roma e organizzato con la collaborazione e il patrocinio del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma, di Accredia, di ANCE, di UNI, di ENEA e con il sostegno di UniProfessioni, ProcOut e TÜV InterCert.

Molti gli interventi degli esperti presenti al Convegno, che hanno dato lo spunto per un interessante dibattito in merito al Piano Nazionale Industria 4.0 e sull’importanza delle competenze che devono avere i professionisti per riuscire a cogliere tutte le opportunità, sia in termini di sviluppo che di sostenibilità, derivanti dal Piano.

È stato dato spazio anche alla presentazione delle best practice e alle indicazioni da parte di esperti per il miglioramento della qualità all’interno delle imprese che vorranno percorrere la strada di Industria 4.0, coniugando nuovi modelli organizzativi e produttivi con le tecnologie più innovative.

A tal proposito, hanno portato la loro esperienza di Smart Industry, Tran Thanh Liem – Vice Presidente del People’s Committee e Maily Anna Maria Nguyen – Responsabile desk Emilia Romagna/Italia, entrambi della provincia di Binh Duong, in Vietnam.

Con l’occasione è stato presentato da Oliviero Casale, Delegato AICQ Industria 4.0, il ”Comitato Guida AICQ Industria 4.0”, costituito dai più autorevoli soggetti istituzionali a livello nazionale, che vuole rappresentare un punto di riferimento per tutto il mondo imprenditoriale e professionale che si presta ad affrontare la quarta rivoluzione industriale. Esso ha il compito di produrre un Position Paper, che identifichi il posizionamento delle Organizzazioni riguardo la conoscenza delle Tecnologie Abilitanti INDUSTRIA 4.0 ed il loro impatto sulla Qualità.

0 Continue Reading →

Nasce il network nazionale Industria 4.0

Lunedì 22 maggio il ministro Carlo Calenda ha presentato, al Ministero dello Sviluppo Economico, il network Nazionale Industria 4.0, nuovo strumento per diffondere la conoscenza sui reali vantaggi derivanti da investimenti in tecnologie in ambito Industria 4.0.

L’obiettivo del network è accompagnare e supportare le imprese nella trasformazione digitale, proponendo e divulgando una nuova cultura d’impresa focalizzata sulle competenze Industria 4.0, indispensabile a massimizzare i benefici delle nuove tecnologie.

Infatti, come ha spiegato il ministro Calenda, “Il Piano ha incentivi fiscali per far ripartire gli investimenti privati ma si basa anche sul pilastro fondamentale di come strutturare le competenze
Il network si compone di:

  • 77 Punti d’Impresa Digitale (PID), gestiti dalle Camere di Commercio, che offriranno la diffusione della conoscenza di base sulle tecnologie in ambito Industria 4.0.
  • 100 Innovation Hub, in capo alle associazioni di categori che offriranno sia formazione avanzata su tecnologie e soluzioni specifiche per i settori di competenza sia il coordinamento delle strutture di trasformazione digitale e dei centri di trasferimento tecnologico.
  • Competence Center, nella forma di partenariato pubblico- privato, che sono stati finanziati dal Ministero dello Sviluppo Economico in Legge di Bilancio 2017. Le risorse ai diversi Competence Center saranno assegnate sulla base della valutazione dei progetti presentati attraverso un bando pubblico di prossima uscita.

 

Vai alla pagina QUALITA’ & INDUSTRIA 4.0 per tutti gli aggiornamenti

2 Continue Reading →

Disponibile il secondo Draft della Norma ISO 45001

Disponibile il secondo Draft della Norma ISO 45001


Il 17 marzo 2017 è stato registrato sul sito di ISO, il secondo Draft della Norma ISO 45001 “Sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro e della salute – Requisiti e guida per l’uso”.

Il DIS 2 della Norma ISO 45001 è stato reso disponibile per l’acquisto nella versione in inglese dal BSI mentre gli Enti di Normazione di ogni Stato dovranno rendere disponibile il testo tradotto nella propria lingua per consentire la fase di commenti e votazione che terminerà il 13 luglio 2017.

L’ISO ha già fissato nei giorni del 18-23 settembre 2017 il Meeting a Malacca (Malesia) dell’ISO/PC 283 e del WG1 per esaminare i risultati del voto.

Le prossime date che porteranno al rilascio della Norma sono:

  • Novembre 2017 – fase di approvazione FDIS, nel caso in cui verrà richiesto
  • Febbraio 2018 – pubblicazione ISO 45001.

Vai alla pagina della norma ISO 45001 per tutti gli aggiornamenti

2 Continue Reading →

Dispositivi medici: approvati i nuovi Regolamenti

Il 5 aprile, il Parlamento Europeo ha approvato i nuovi Regolamenti riguardanti i Dispositivi Medici (DM) e i Dispositivi Diagnostici in Vitro (IVD), che entreranno in vigore in tutti gli Stati Membri entro,  rispettivamente, i tre e i cinque anni dalla loro pubblicazione.

Obiettivo principale di tali regolamenti è assicurare una maggiore tutela per la salute pubblica e la sicurezza del paziente.

Sono state introdotte, infatti, norme più severe per garantire la rintracciabilità dei prodotti e la conformità ai requisiti di sicurezza. Inoltre, è stata rafforzata la trasparenza delle informazioni, tanto per i produttori, i fabbricanti e gli importatori quanto per i pazienti, ai quali verrà fornita una tessera dell’impianto, che potranno utilizzare per accedere alle informazioni tramite una banca dati accessibile al pubblico.

Previsti, inoltre, controlli post-vendita più severi: i produttori, infatti, saranno obbligati a monitorare le prestazioni dei dispositivi immessi sul mercato.

Gli stessi Organismi Notificati, che per espletare le procedure di certificazione dovranno assumere personale qualificato, saranno soggetti a controlli. Ma allo stesso tempo avranno maggiore autorità nella sorveglianza delle strutture dei produttori dopo l’immissione sul mercato dei prodotti: ispezioni a campione, audit senza preavviso, infatti, avranno quale unico obiettivo quello di ridurre i pericoli derivanti da dispositivi non sicuri.

Contattaci per maggiori informazioni:

info@tuvintercert.it – 0522 409611

2 Continue Reading →

Ultime novità del Piano Nazionale Industria 4.0

Il Piano Nazionale Industria 4.0, le cui agevolazioni sono state approvate con la Legge di Bilancio 2017, prevede una serie di incentivi fiscali per le imprese che investono in tecnologia e digitalizzazione.

Un passo importante verso l’attuazione del Piano è rappresentato dalla Circolare n. 4/E, pubblicata il 30 marzo dall’Agenzia delle Entrate e redatta congiuntamente con il Ministero dello Sviluppo economico, con cui vengono fornite indicazioni operative sull’utilizzo del super ammortamento e dell’iper ammortamento.

Super Ammortamento e Iper Ammortamento: cosa sono?

SUPER AMMORTAMENTOIPER AMMORTAMENTO
Deduzione extracontabile del 40% per gli investimenti in beni strumentali nuovi, impianti e macchinari, prorogato con la Legge di Bilancio 2017 sugli acquisti di tali beni avvenuti entro il 31 dicembre 2017 e consegnati entro il 30 giugno 2018, che porta al 140% il valore della deduzione, riducendo la base imponibile su cui vengono calcolate le imposte.

La disciplina del super ammortamento riguarda tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa e di lavoro autonomo, eccetto i contribuenti titolari di partita Iva in regime forfettario (ammessi al contrario i titolari di p.Iva in regime dei minimi).

Maggiorazione del 150% del costo dei beni strumentali acquistati, entro il 31 dicembre 2017 e consegnati entro il 30 giugno 2018, per trasformare l’impresa in chiave tecnologica e digitale 4.0.

Maggiorazione del 40% sul costo di acquisto di beni strumentali immateriali (alcuni software, sistemi IT e attività di system integration) per i soggetti che beneficiano dell’iper ammortamento. Entrambe introdotte con la Legge di Bilancio 2017.

La maggiorazione del 150% si rivolge ai soggetti titolari di reddito d’impresa.

Per quanto riguarda l’iper ammortamento, la circolare ha ribadito che presupposto imprescindibile per accedere alla maggiorazione del 150% del costo ammortizzabile è che il bene risulti interconnesso, ovvero rientri in una delle seguenti categorie:

  • sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità;
  • dispositivi per l’interazione uomo-macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro in logica «4.0»;
  • beni immateriali (software, sistemi e/o system integration, piattaforme e applicazioni).

Nella Circolare n. 4/E, inoltre, vengono evidenziate le indicazioni per la redazione della Perizia Tecnica Giurata e dell’Attestato di Conformità per l’ottenimento del regime agevolativo da parte delle Imprese.

Pertanto, per poter usufruire dei benefici dell’iper ammortamento e della maggiorazione relativa ai beni immateriali, è necessario che il soddisfacimento dei requisiti di legge siano attestati:

  • per i beni dal costo unitario di acquisizione superiore a € 500.000, da una Perizia Tecnica Giurata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale iscritti nei rispettivi albi professionali ovvero da un Attestato di Conformità rilasciato da un Ente di Certificazione accreditato”. Gli ingegneri e i periti devono essere “terzi” rispetto ai produttori e/o fornitori dei beni strumentali, servizi/beni immateriali oggetto della perizia; inoltre, oggetto della perizia/attestazione può essere anche una pluralità di beni agevolati;
  • “per i beni dal costo unitario di acquisizione inferiore o uguale a € 500.000, da una dichiarazione resa dal Legale Rappresentante (tale dichiarazione può anche essere sostituita dalla perizia tecnica giurata o dall’attestato di conformità di cui al punto precedente).

Inoltre, è opportuno che la perizia/attestazione di conformità sia accompagnata da un’Analisi Tecnica. Quest’ultima deve essere redatta, dal professionista o dall’Ente di Certificazione, in modo da tutelare la proprietà intellettuale e la riservatezza dell’utilizzatore del bene, nonché di terze parti coinvolte. Inoltre, dovendo essere custodita presso la sede del beneficiario dell’agevolazione, potrà essere esibita soltanto su richiesta degli organi di controllo o su mandato dell’autorità giudiziaria.

TÜV InterCert, per accompagnare le organizzazioni in questo processo di innovazione e per permettere loro di sfruttare le opportunità previste dal Piano Nazionale Industria 4.0, ha attivato una specifica unità, TÜV InterCert Industria 4.0.

 

Contattaci per maggiori informazioni:

info@tuvintercert.com – 0522 409611

2 Continue Reading →

Sicurezza IT a rischio

Per la prima volta, l’Italia è nella top ten dei paesi in cui si sono registrati, nel 2016, gli attacchi informatici più gravi. È quanto emerge dal Rapporto Clusit 2017.

I numeri forniti dal Rapporto non sono da sottovalutare: gli attacchi compiuti per finalità di Cybercrime sono in aumento del 9,8%, mentre quelli riferibili ad attività di Cyber Warfare si aggirano intorno al 117%.

La sanità è il settore più colpito con un aumento del 102%, a seguire la grande distribuzione, aumentato del 70%, e le banche con un +64%.

La causa principale di tali attacchi deve essere ricercata nell’incapacità delle vittime di fronteggiare questi pericoli.  Spesso, infatti, le organizzazione colpite impiegano anni prima di accorgersi che informazioni private e il database aziendale sono stati compromessi.

Quella fotografata dal Rapporto, inoltre, sembra essere una situazione destinata a peggiorare con l’avvento dell’Internet of Things (IoT). Infatti, l’introduzione dello smart working o di tecnologie come il Cloud, ha maggiormente esposto le aziende ai cyber attacchi, sgretolando vecchi confini aziendali. E tenendo conto che l’IoT porterà entro il 2020 oltre 50 miliardi di dispositivi connessi,  ciò non farà altro che allargare a dismisura l’area da dover proteggere.

A ciò si aggiunge la mancanza di leggi che obbligano i produttori a garantire la sicurezza dei dispositivi venduti. Il loro obiettivo è, infatti, quello di vendere al minor prezzo per acquisire maggiori quote di mercato e non prestano particolare attenzione agli aspetti legati alla security.

Per sopperire alla mancanza di una normativa in grado di gestire efficacemente i rischi derivanti da un crimine informatico e di offrire, dunque,  una maggiore tutela alle azienda, il Comitato interministeriale ha dato il via al programma nazionale di cyber sicurezza. ll nuovo provvedimento, recependo la Direttiva UE Nis – Network and Information Security, andrà a rafforzare il ruolo del Cisr che emanerà direttive con l’obiettivo di innalzare il livello della sicurezza informatica del Paese.

TÜV InterCert offre diverse tipologie di attività a servizio delle aziende e dei professionisti che intendono difendersi dagli attacchi informatici e tutelare le proprie banche dati.

– Formazione specifica sulle tematiche IT

– Certificazioni di sistema secondo le norme: ISO/IEC 27005, ISO/IEC 27001, ISO/IEC 20000

– Certificazione Data Center

– Certificazione ePrivacy

Per prendere visione di tutti i servizi in ambito IT, clicca qui

Contattaci per maggiori informazioni:

info@tuvintercert.com – 0522 409611

2 Continue Reading →